Notizia

Appoggiarsi con caffè, cioccolato o vino rosso? Perdere peso facilmente con la dieta Sirtfood?


Due persone molto grandi nel mondo delle celebrità sono "sospettate" di aver perso molto peso corporeo con la dieta Sirtfood. Stiamo parlando di Pippa Middleton e della cantante Adele. Gli allenatori di fitness delle due stelle giurano Sirtford e quindi l'ipotesi della stampa gossip inglese era ovviamente ovvia.

Se dai un'occhiata più da vicino alla nuova dieta, scoprirai che ha delle potenzialità, ma soprattutto perché in realtà non è così nuova.

I titoli recitano, come sei abituato con una nuova dieta, esagerata e troppo ottimista: "Giovane e magro con piacere", "Come mangiare più giovane", "La dieta più gustosa del mondo!" Ecco come sono stati annunciati i libri Sirtfood . La dieta non dovrebbe solo farti dimagrire senza mollare, ma anche ringiovanire e attivare i cosiddetti "geni dimagranti". Per essere troppo bello per essere vero? Non proprio. Anche se il cioccolato e il vino rosso sono ammessi alimenti.

La nuova dieta è stata sviluppata dai nutrizionisti statunitensi Aidan Goggins e Glen Matten. Hanno derivato il termine "cibo dairt" dai sirtuine, che sono stati uno degli oggetti di ricerca più popolari in medicina per diversi anni. Perché gli enzimi controllano molti processi metabolici e di invecchiamento. Ce ne sono sette, che differiscono per i loro effetti e si influenzano a vicenda, quindi la maggior parte delle volte ne controlli parecchi quando "giri una vite di Sirtuin" da qualche parte.

Sirt1 riduce l'accumulo di tessuto adiposo bianco, ma esso stesso è influenzato da un altro Sirtuin, vale a dire Sirt7. Al Max Planck Institute for Heart and Lung Research di Bad Nauheim, è stato recentemente scoperto che i topi si dimagriscono in uno stato simile all'anoressia se si spegne Sirt7 e quindi aumenta l'attività di Sirt1.

I sirtuine 3 e 6 sono ora noti per essere coinvolti nel metabolismo cerebrale. Nei test di reazione e di memoria, i soggetti del test con valori di Sirt3 bassi hanno ottenuto risultati significativamente peggiori.

Avevano anche più proteine ​​di rugiada nel cervello, che sono considerate un fattore scatenante per l'Alzheimer. Le sirtuine 1 e 2 possono nel frattempo essere considerate mobilizzanti per il metabolismo dello zucchero, poiché migliorano la sensibilità all'insulina di grasso, muscoli e cellule epatiche.

La metformina farmaco è usata contro il diabete e funziona così bene solo perché aumenta il livello di Sirt1. I ricercatori farmaceutici stanno ora lavorando su un modo per avviare questo aumento direttamente, senza la deviazione tramite metformina.

Goggins e tappetini ora sostengono che i livelli di sirtuin possono anche essere influenzati senza farmaci, vale a dire attraverso un menu speciale: la dieta alimentare sirtuin. Si basa principalmente su alimenti con un'alta percentuale di polifenoli, cioè tannini.

Sirt food include anche il classico principio di perdita di peso "less is more". "Gli alimenti che contengono polifenoli e riducono l'apporto calorico hanno effetti simili sui sirtuine, in particolare sui sirtuine", sottolinea Goggins e Matten. Ecco perché la dieta Sirtfood inizia, non sorprende, con la rinuncia.

La prima fase dura 3 giorni e consiste in una riduzione a 1000 chilocalorie al giorno, che è divisa in due succhi di verdura ricchi di alimenti e un pasto ricco di alimenti. Per i prossimi quattro giorni sono previsti 1500 chilocalorie, suddivise in due succhi e due pasti. Alla fine c'è un periodo di stabilizzazione di due settimane, durante il quale si possono consumare tre pasti da una sola e una da bere.

Quindi le calorie non vengono più ridotte. "D'ora in poi si tratta di abituarsi ad avere più cibo da asporto nel menu", sottolineano Goggins e Mattens. In definitiva, è previsto un cambiamento dietetico a lungo termine - e qui gli autori di Sirt sono pienamente d'accordo con le opinioni delle grandi società professionali, come la German Society for Nutrition,

E non solo c'è accordo. Gli alimenti a base vegetale come noci, olio d'oliva, aglio, rucola, prezzemolo, capperi e anche un po 'di vino rosso si trovano inevitabilmente nell'elenco degli alimenti a base di polifenoli, ovvero i componenti tipici della dieta mediterranea, che i medici nutrizionisti considerano particolarmente sani. Altri componenti della dieta Sirt sono noti dalla cucina asiatica come curcuma, tofu, cipolle rosse e tè verde.

Quest'ultimo ha mostrato un'influenza particolarmente grande sui sirtuine in laboratorio, così come il caffè e il cioccolato, che aggiungono una corona gustosa al sirtfood, per così dire. Tali raccomandazioni rendono naturalmente una dieta molto più attraente della perdita di peso e del conteggio delle calorie.

Tuttavia, non ci sono ancora prove cliniche per la dieta di Sirt. Né per i loro effetti sul peso corporeo, né per gli effetti sul cervello, sul metabolismo dello zucchero e sull'aspettativa di vita. Ma un gruppo di ricercatori dell'Università Christian Albrecht di Kiel almeno giunge alla conclusione in uno studio che la combinazione di cibo mediterraneo e asiatico è davvero "una strategia promettente" per "proteggere dalle malattie croniche e unire" contribuire all'invecchiamento in buona salute ”.

Anche i nutrizionisti della Germania settentrionale vedono l'effetto stimolante del siruin, ma è solo uno dei tanti effetti che derivano da questa combinazione prevalentemente vegetariana di piatti. Preferiscono quindi chiamare l'approccio "dieta mediterranea-asiatica".

Tuttavia, è discutibile se questo nome prevarrà nella scena della dieta nota per i suoi titoli abbaglianti. (fs)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: In 5 mesi ho perso 36 kg e mezzo (Giugno 2021).