Notizia

Gli amanti di Tonic Water hanno un cervello più grande?

Gli amanti di Tonic Water hanno un cervello più grande?



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

In che modo la dimensione del cervello influenza il gusto?

Una preferenza per il consumo di acqua tonica può indicare la dimensione del cervello? I medici hanno ora scoperto che le dimensioni del cervello non influiscono solo su quanto sono intelligenti le persone, ma anche su quanto amaramente le persone trovano l'acqua tonica.

Gli scienziati dell'Università del Queensland hanno scoperto nel loro attuale studio che le dimensioni del cervello influiscono sull'amarezza delle persone riguardo al gusto dell'acqua tonica. Gli esperti hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista in lingua inglese "Behavioral Brain Research".

Perché alcune persone hanno un gusto per il gusto amaro?

È la prima volta che la percezione del cervello e la percezione del gusto sono state messe insieme, spiega l'autore dello studio Dr. Hwang dell'Istituto Diamantina dell'Università del Queensland sulle indagini. "Tutti vogliono sapere perché ci piacciono alcuni cibi e perché alla gente piacciono i gusti amari o dolci", ha aggiunto l'esperto in un comunicato stampa.

Le persone con cervelli più grandi trovano l'acqua tonica meno amara

In precedenza non era chiaro se la dimensione del cervello influisce su qualcosa di diverso dal QI di una persona, ma ora gli scienziati hanno scoperto che la dimensione determina anche come vengono percepiti cibo e bevande. Sia che ti piaccia l'acqua tonica o meno, le persone con cervelli più grandi di solito la trovano meno amara, dice il Dr. Hwang.

Più di 1.600 soggetti hanno preso parte allo studio

Per lo studio, oltre 1.600 soggetti in Australia e in America sono stati invitati a dichiarare le loro intensità percepite di varie soluzioni di gusto dolce e amaro. La dimensione del cervello dei partecipanti è stata quindi misurata utilizzando una cosiddetta scansione MRI.

Che cosa hanno mostrato le scansioni MRI?

I ricercatori hanno scoperto che la parte sinistra della corteccia entorinale, un'area del cervello responsabile della memoria, dell'olfatto e della percezione visiva, era più ampia nelle persone che trovavano il gusto del chinino meno amaro. Il chinino è un ingrediente chiave nell'acqua tonica ed è comunemente usato per valutare la risposta delle persone a un gusto amaro, spiega il medico.

I risultati potrebbero migliorare il trattamento dei disturbi alimentari

I risultati trovati hanno aumentato la comprensione della corteccia del gusto, la parte del cervello che elabora i segnali del gusto e crea esperienze del gusto. "Il nostro studio è un passo verso la comprensione di come il cervello percepisce il gusto", ha detto l'autore dello studio nel comunicato stampa. I risultati hanno implicazioni per il miglioramento delle abitudini alimentari e il trattamento dei disturbi alimentari. L'esperto aggiunge che un trattamento mirato delle aree della corteccia del gusto potrebbe essere usato per trattare i disturbi alimentari usando metodi come la cosiddetta stimolazione magnetica transcranica, un trattamento non invasivo che è attualmente usato per trattare le malattie mentali. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Giacobazzi - Al ristorante Il Caminetto. Zelig (Agosto 2022).