Notizia

Il vaccino antinfluenzale universale dovrebbe consentire una protezione a lungo termine

Il vaccino antinfluenzale universale dovrebbe consentire una protezione a lungo termine


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Non ci sarà più influenza presto?

Ci sarà un vaccino antinfluenzale universale in futuro? Un gruppo di scienziati internazionali ha ora fatto una scoperta che potrebbe consentire lo sviluppo di un vaccino antinfluenzale universale. Le vaccinazioni annuali potrebbero quindi essere sostituite da vaccinazioni protettive a lungo termine.

Nella loro attuale indagine, i medici dell'Università di Melbourne hanno scoperto cellule immunitarie che potrebbero consentire lo sviluppo di un vaccino antinfluenzale universale. Gli esperti hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista in lingua inglese "Nature Immunology".

Cosa sono le cellule T killer?

In considerazione dell'elevato numero di infezioni, della mancanza di opzioni terapeutiche e dei decessi annuali, sono stati cercati per anni vaccini efficaci che proteggono da tutti i ceppi del virus dell'influenza. Il lavoro dei ricercatori si è concentrato sullo sviluppo di un vaccino antinfluenzale universale che non richiede una riformulazione annuale. Un sottoinsieme di globuli bianchi, assegnato anche alle cellule T killer, fornisce l'immunità a tutti i diversi tipi di virus influenzali che infettano l'uomo. I risultati di questo studio potrebbero essere utilizzati in futuro per sviluppare un vaccino antinfluenzale universale. In sostanza, i medici hanno identificato le parti dei virus influenzali comuni a tutti i ceppi e alle quali possono rispondere anche le speciali cellule T killer (cellule T CD8 +).

Perché è così difficile sviluppare un vaccino universale?

Le cellule T sono un tipo di globuli bianchi progettato per esaminare il corpo per anomalie e infezioni. Sono una parte vitale del sistema immunitario umano. Le cosiddette cellule T killer hanno la capacità di colpire e uccidere le cellule infette. Utilizzando una tecnica di scansione chiamata spettrometria di massa, gli scienziati sono stati in grado di identificare parti del virus dell'influenza che si trovano in tutti i ceppi di influenza. Lo sviluppo di un vaccino antinfluenzale di lunga durata è di solito molto difficile perché il virus continua a mutare, il che significa che il corpo non è in grado di trovare un modo permanente per combattere il virus dopo un'esposizione singola o ripetuta.

Le cellule killer sono già state attivate negli esperimenti sui topi

Il team di esperti ritiene che sia possibile utilizzare queste conoscenze per sviluppare un vaccino in grado di aggirare il problema. I ricercatori sono già stati in grado di attivare le cellule T killer nei topi in esperimenti su animali. In questo modo, il virus dell'influenza e l'infiammazione nelle vie respiratorie degli animali potrebbero essere significativamente ridotti. Tuttavia, ci sono anche alcune restrizioni che potrebbero rendere difficile lo sviluppo di un farmaco antinfluenzale universale. Le speciali cellule T CD8 + si verificano solo nel 50 percento della popolazione mondiale. Il prossimo passo è usare gli stessi metodi usati in questo studio per identificare ulteriori cellule T killer in grado di rispondere a tutti i ceppi di influenza, sviluppando un vaccino antinfluenzale universale per tutte le persone. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Vaccinazione antinfluenzale Paolo Bonanni (Ottobre 2022).