Notizia

Gli antidolorifici funzionano meglio in combinazione con la musica

Gli antidolorifici funzionano meglio in combinazione con la musica



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Combina musica e antidolorifici?

I ricercatori hanno ora scoperto che la musica può alleviare il dolore e l'infiammazione e migliorare significativamente gli effetti degli antidolorifici come l'ibuprofene e il CBD.

Un recente studio dell'Università dello Utah ha scoperto che la musica aiuta ad alleviare il dolore e migliora anche gli effetti di alcuni antidolorifici. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista in lingua inglese "Frontiers in Neurology".

Esame degli effetti combinati di farmaci e musica

Negli ultimi anni, i ricercatori hanno suonato musica di Mozart nei loro laboratori in laboratorio. Quindi volevano saperne di più sul trattamento dell'epilessia e del dolore cronico. Il dolore e l'epilessia rappresentano sintomi diversi, ma presentano problemi simili. Le opzioni terapeutiche sono limitate e i farmaci disponibili spesso non sono abbastanza efficaci. Durante lo sviluppo di nuovi farmaci per il dolore e l'epilessia, i ricercatori hanno esaminato il modo in cui farmaci e musica lavorano insieme.

La musica di Mozart indebolisce l'epilessia

Vari studi hanno già dimostrato che la musica di Mozart mitiga gli effetti negativi dell'epilessia. Il presente studio ha esaminato non solo gli effetti della musica sul disturbo stesso, ma anche sui sintomi del dolore cronico con topi e ratti. Agli animali sono state presentate le stesse composizioni Mozart precedentemente utilizzate nei tentativi di alleviare l'epilessia.

Il sollievo dal dolore è stato migliorato di oltre il 90 percento

I topi sono stati esposti alla musica tre settimane prima di partecipare al trattamento. Un gruppo ascoltava musica, il gruppo di controllo avvertiva solo normali rumori ambientali. A tutti i topi è stato somministrato uno dei quattro antidolorifici tra cui ibuprofene, levetiracetam, cannabidiolo (CBD) e analogo della galanina NAX 5055. Sono state quindi inflitte lesioni specifiche ai topi per simulare il dolore postoperatorio e in alcuni casi è stato indotto un virus, che ha causato agli animali convulsioni che imitavano l'epilessia. Il sollievo dal dolore da ibuprofene e musica ha migliorato i risultati di oltre il 90 percento. Gli altri modelli hanno mostrato che l'infiammazione era ridotta del 70 percento.

La musica da sola ha avuto scarso effetto

I risultati hanno mostrato che la musicoterapia in sé ha avuto scarso effetto. In combinazione con vari farmaci, tuttavia, gli effetti positivi sul trattamento del dolore e dell'infiammazione sono molto chiari. Inoltre, apparentemente non era necessario molto antidolorifico nel sistema del mouse per ottenere risultati positivi. È stata selezionata una dose di ibuprofene che ha un effetto relativamente minore. Negli animali che erano precedentemente entrati in contatto con la musica, è stato comunque osservato un forte miglioramento.

Sono necessarie ulteriori ricerche sull'uomo

I risultati hanno mostrato non solo una significativa riduzione delle convulsioni negli animali epilettici, ma anche un numero ridotto di decessi associati alla malattia. Un effetto sulla frequenza delle convulsioni è stato riscontrato nel modello di epilessia, ma la cosa più notevole è stata che un tasso di mortalità ridotto poteva effettivamente essere osservato, affermano i ricercatori. Il modello di crisi epilettica utilizzato in genere ha mostrato un tasso di mortalità fino al 50%, ma il trattamento combinato lo ha ridotto significativamente. Ulteriori ricerche sono ora per scoprire se una combinazione di musica e antidolorifici può effettivamente abbassare il tasso di mortalità nell'epilessia e, inoltre, controllare meglio il numero di convulsioni. Ciò potrebbe aiutare a prevenire la morte improvvisa e inaspettata per epilessia. Esistono già piani per continuare gli studi in ambito clinico umano. Soprattutto, i ricercatori vogliono provare a capire quali componenti della musica hanno questo tipo di effetto antidolorifico e di potenziamento della droga. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Comporre un brano - Cinque errori tipici di chi inizia a comporre! (Agosto 2022).