Notizia

Mancanza di igiene: un terzo non si lava le mani dopo aver usato il bagno

Mancanza di igiene: un terzo non si lava le mani dopo aver usato il bagno


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Gli studi dimostrano che l'igiene della toilette lascia molto a desiderare in Germania

Solo due persone su tre usano acqua e sapone dopo essere andate in bagno. Solo uno su dieci utilizza un disinfettante in dotazione. Ciò emerge da uno studio attuale in cui il comportamento igienico di circa 78.000 visitatori di servizi igienici è stato osservato in 100 sistemi di servizi igienici.

Da gennaio ad aprile 2019, la società di igiene Hagleitner ha raccolto dati dagli utenti di circa 100 servizi igienici speciali. Lo studio ha utilizzato barriere fotoelettriche e distributori di sapone con una connessione online per determinare quante persone hanno visitato i servizi igienici e quanti hanno utilizzato i prodotti per l'igiene forniti.

A malapena due persone su tre usano acqua e sapone

I risultati mostrano che c'è ancora spazio per migliorare l'igiene dei servizi igienici in Germania e Austria. Secondo i dati raccolti, appena due persone su tre si sono lavate le mani con acqua e sapone dopo essere andate in bagno. Solo uno su dieci ha utilizzato il disinfettante che era attaccato direttamente accanto al distributore di sapone.

I servizi igienici di prova erano situati in Germania e Austria

I dati provengono da 100 servizi igienici, 79 dei quali in Austria e 21 in Germania. In totale, i servizi igienici sono stati visitati 78.172 volte nel periodo di prova. Un distributore di sapone in schiuma e 8.665 dispenser per la disinfezione delle mani sono stati azionati 47.711 volte.

L'Università di Heidelberg arriva a risultati simili

Proprio di recente, un altro studio osservazionale dell'Università SRH Heidelberg ha ottenuto un risultato simile. I ricercatori hanno osservato il comportamento igienico di 1.000 persone che hanno visitato i bagni pubblici di Heidelberg. Il risultato: circa il sette percento non si lavava affatto le mani, il 27 percento utilizzava solo acqua. Il 58 percento ha usato acqua e sapone, ma senza la completezza richiesta. Solo l'8% si è lavato le mani in modo da prevedere una significativa riduzione dei patogeni.

Differenze di genere

Mentre circa l'undici percento degli uomini rinunciava completamente al lavaggio delle mani, la cifra era solo del tre percento per le donne. La proporzione che si lavava le mani con acqua e sapone era dell'82 percento per le donne e del 51 percento per gli uomini. Secondo i risultati dello studio osservazionale, il contatto manuale con gli uomini ha un potenziale germe maggiore rispetto alle donne.

A cosa dovresti prestare attenzione quando ti lavi le mani?

Il Federal Center for Health Education consiglia di lavarsi le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi. Non solo i palmi delle mani devono essere puliti, ma anche gli spazi tra le dita. "Il rischio di infezione da virus e batteri può essere ridotto fino al 99,9 percento se l'igiene delle mani viene eseguita correttamente", hanno scritto i ricercatori SRH in un comunicato stampa.

Lavarsi le mani previene le malattie infettive

Circa l'80 percento di tutte le malattie infettive viene trasmesso attraverso le mani. Non c'è da stupirsi: ci affrontiamo in media 16 volte all'ora. In questo modo, i germi sulle mani entrano nella bocca, nel naso e negli occhi e quindi nel corpo, dove può quindi svilupparsi un'infezione. "Le malattie infettive possono essere evitate in modo efficace ed economico con il lavaggio regolare delle mani, e questo senza effetti collaterali", riassume il professor Dr. Frank Musolesi, il capo dello studio osservazionale. Per ulteriori informazioni, leggi l'articolo: Lavaggio corretto delle mani: l'igiene ottimale delle mani riduce il rischio di infezione. (Vb)

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Certificazione in Psichiatria. Parte 2. (Ottobre 2022).