Notizia

Pericolo sottovalutato: dopo le bevande energetiche, una donna di 32 anni ha bisogno di un pacemaker

Pericolo sottovalutato: dopo le bevande energetiche, una donna di 32 anni ha bisogno di un pacemaker


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La giovane madre beve troppe bevande energetiche - pacemaker a 32 anni

Nella sola Germania, ogni anno vengono impiantati oltre 100.000 pacemaker. Gli esperti sanitari affermano che l'età media di questi pazienti è di circa 75 anni. Tuttavia, alcune persone ottengono un tale impianto anche in tenera età. Quindi anche una donna di 32 anni proveniente dalla Gran Bretagna. La giovane madre aveva consumato enormi quantità di bevande energetiche negli anni precedenti la procedura.

Rischi per la salute derivanti da bevande stimolanti

Gli esperti di salute hanno consigliato per anni cautele riguardo alle bevande energetiche. La grande quantità di zucchero nelle bevande è particolarmente preoccupante. Secondo gli esperti, una lattina può contenere fino a 13 zollette di zucchero. Tali bevande danneggiano i denti, portano all'obesità e promuovono malattie come il diabete. Inoltre, dopo un consumo maggiore possono verificarsi complicazioni come battito cardiaco accelerato o ipertensione. Una giovane donna della Gran Bretagna ha anche imparato quanto possano essere pericolose le bevande energetiche per il cuore.

Impianto di pacemaker all'età di 32 anni

Secondo un rapporto del quotidiano inglese "Leicester Mercury", il 33enne Samantha Sharpe era dipendente dalle bevande energetiche.

La madre di tre figli beveva fino a sei dosi al giorno. Ma poi la giovane donna ha avuto sempre più problemi di salute, come problemi cardiaci e blackout, che alla fine le hanno fatto impiantare un pacemaker all'età di 32 anni.

Mentre il rapporto si restringe, i medici non sono sicuri di cosa abbia causato i problemi cardiaci, ma hanno detto al paziente che le bevande zuccherate non avrebbero aiutato.

Ora la giovane donna avverte gli altri dei possibili effetti.

Anni di consumi elevati

Secondo le informazioni, il suo consumo elevato è continuato per circa quattro anni prima di svenire più volte a casa e quindi è andato a trovare il suo medico.

"Ho tre figli e lavoro, quindi la vita di tutti i giorni mi ha fatto bere bevande energetiche", ha detto al giornale.

"Lavoro di sera, quindi mi hanno fatto passare la giornata. Mi hanno svegliato e mi hanno alzato un po '. "

Ma anche negli otto mesi in cui la giovane donna non lavorava, il suo consumo non è diminuito.

Dipendente da bevande energetiche

Sharpe descrisse la sua dipendenza dal quotidiano "Leicester Mercury": "Le bevande mi fecero battere forte il cuore, il che mi fece battere il cuore". Ma dopo un po 'aveva bisogno di un altro drink. In tali situazioni, ha affermato che la frequenza cardiaca è scesa a 20 battiti al minuto.

Se non avesse seguito la sua voglia di un altro drink, le avrebbe dato un mal di testa, sarebbe stata scontrosa e non avrebbe dormito.

"È qualcosa che non ho mai visto prima", ha detto Sharpe. Si sentiva una drogata. "La mia famiglia mi ha avvertito, ma non stavo ascoltando."

Non solo problemi di salute con il cuore

"Sono andato dal medico più di un anno fa perché sono svenuto costantemente a casa", ha detto la madre di tre figli.

Il medico ha stabilito che il paziente aveva un blocco cardiaco. "Nel febbraio dello scorso anno, ho avuto un pacemaker impiantato direttamente nel mio cuore al Glenfield Hospital per supportare la mia funzione cardiaca", ha detto Sharpe.

Durante la procedura, il dispositivo è stato impiantato attraverso una vena della gamba. "Non è stata una bella esperienza e i miei figli hanno dovuto portarmi da e per l'ospedale."

Tuttavia, i problemi cardiaci non erano gli unici problemi di salute segnalati.

Soffriva anche di calcoli renali e le fu detto che era sull'orlo del diabete di tipo 2 a causa della quantità di zucchero che consumava quotidianamente.

Il paziente ora sta lontano dalle bevande stimolanti

Dopo che il pacemaker fu impiantato all'età di 32 anni, sentì un "nuovo atteggiamento nei confronti della vita".

Non hai più svenimenti e problemi cardiaci.

"Ma devo far sostituire medici e pacemaker ogni 10 mesi ogni sei mesi."

La giovane donna sapeva che avrebbe dovuto stare alla larga dalle bevande energetiche, ma ha bevuto di nuovo dopo la procedura.

Ma questo le fece battere il cuore, i reni le fecero male e lei ebbe mal di testa. "Pensavo di non poterlo più fare."

Dovrebbero essere discussi effetti pericolosi

A causa dei suoi problemi di salute, non sopporta più di vedere gli altri bere bevande energetiche, in particolare i bambini.

"Mi si spezza il cuore quando vedo i bambini fare questo", ha detto Sharpe. "C'è un limite di età, ma vedo ancora le madri che li acquistano per i loro figli."

Secondo la giovane donna, gli effetti delle bevande energetiche dovrebbero essere maggiormente promossi.

"Penso che tutti sappiano che non sono buoni per te - ma nessuno ha mai detto perché non sono buoni per te."

Ma questo non è del tutto vero. Dopotutto, gli esperti di salute hanno criticato gli effetti pericolosi di tali bevande per anni e hanno anche spiegato, tra le altre cose, cosa succede nel corpo dopo aver consumato una lattina. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: I 10 PRIGIONIERI Più Pericolosi Al Mondo (Ottobre 2022).