Notizia

Lo studio lo scopre: i videogiochi sono davvero grassi?


I ricercatori rivelano: i videogiochi promuovono davvero l'obesità?

Un nuovo studio ha esaminato se è vero che bambini, adolescenti e adulti che trascorrono molto tempo giocando a giochi per computer sono più grassi di altre persone. I ricercatori hanno scoperto che il cliché è corretto, ma solo per alcune persone.

Non tutte le ipotesi sono corrette

I giochi per computer sono estremamente popolari tra bambini e adolescenti e anche con molti adulti. Molte persone sono preoccupate per questo. Perché tali giochi dovrebbero promuovere l'aggressività e l'obesità. Sul primo presupposto, l'anno scorso è stato pubblicato uno studio che ha concluso che l'impatto di tali giochi non è poi così negativo. E ora i ricercatori hanno studiato se le persone che giocano intensamente al computer sono effettivamente obese.

La situazione di studio contraddice lo stereotipo

Un adolescente paffuto si siede per ore sul divano con il controller in mano, accanto ad esso le patatine unte e la malsana cola sul tavolino da caffè.

Molte persone immaginano i giocatori tipici come questo o qualcosa di simile. Ecco perché il pregiudizio che rende grossi i videogiochi è diffuso. Ma è davvero così?

"La situazione dello studio nei bambini e negli adolescenti contraddice lo stereotipo, negli adulti ci sono piccole connessioni tra giochi per computer e massa corporea", spiega il professor Markus Appel, psicologo della comunicazione presso la Julius Maximilians University (JMU) di Würzburg, in un messaggio.

I ricercatori della JMU (Markus Appel, Caroline Marker) e della Johannes Kepler University Linz e del Leibniz Institute for Educational Pathways di Bamberg (Professor Timo Gnambs) hanno usato una meta-analisi per valutare un totale di 20 studi significativi con oltre 38.000 partecipanti.

Il rapporto tra videogiochi e obesità o massa corporea è mostrato solo in piccola parte. Solo l'uno per cento del sovrappeso individuale può quindi essere spiegato dal tempo trascorso con i videogiochi.

Nessuna connessione trovata nei giovani

Secondo le informazioni, la connessione potrebbe essere dimostrata solo negli adulti, ma non nei bambini e negli adolescenti.

"Le persone obese possono avere maggiori probabilità di rimanere fedeli al loro hobby dei videogiochi mentre si spostano verso l'età adulta, mentre le nuove attività ricreative diventano più importanti per gli altri", ha detto Appel.

In passato, alcuni ricercatori avevano affrontato la questione di come i videogiochi e l'obesità fossero correlati.

"L'obesità e l'obesità sono generalmente associate al consumo dei media seduti, come guardare la TV o videogiochi inattivi", riferisce il gruppo di ricerca nel suo studio attuale, che è stato pubblicato sulla rivista "Social Science and Medicine".

Ma le singole indagini sono arrivate a risultati diversi, da cui l'attuale confronto.

Meno movimento

Perché c'è una connessione?

"Abbiamo riscontrato un significativo effetto indiretto che dimostra che le persone che trascorrono più tempo giocando ai videogiochi trascorrono anche meno tempo facendo sport e quindi hanno un peso corporeo o una massa corporea più elevati", scrive il team di Würzburg e Linz.

Altri fattori, come una dieta non salutare prima della console di gioco o la mancanza di sonno, non sono stati verificati a causa di studi troppo pochi.

Come indicato nella comunicazione, i ricercatori hanno preso in considerazione solo i videogiochi non attivi nella loro analisi attuale, ovvero i giochi che possono essere giocati seduti.

I videogiochi attivi come Wii-Sports o Pokémon Go, che richiedono movimento, non sono stati deliberatamente presi in considerazione. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Perché è importante la Divulgazione Scientifica? Ne parliamo con Eticoscienza (Giugno 2021).