Sintomi

Eccesso di sodio (ipernatriemia) - cause, sintomi e terapia

Eccesso di sodio (ipernatriemia) - cause, sintomi e terapia



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Cause e segni di ipernatriemia

Il sodio è l'elettrolita più comune nel corpo umano. Si trova principalmente nel sangue e nel liquido extracellulare. Insieme al potassio, il sodio è l'elemento più importante per regolare l'equilibrio dei fluidi. È anche rilevante per il ritmo cardiaco e la funzionalità di nervi e muscoli e ha un impatto sulla pressione sanguigna.

Un rapporto di miscela equilibrato tra sodio e liquido è necessario per la regolazione del bilancio idrico e le altre funzioni. Alcuni meccanismi possono modificare questa relazione e aumentare la concentrazione di sodio nel sangue. Questa condizione si chiama ipernatriemia quando il livello di sodio nel siero del sangue supera 145 mmol / L. Di solito è tra 135 e 145 mmol / L.

Una concentrazione eccessiva può insorgere in due modi. O troppo sodio o troppa poca acqua viene fornita al corpo o perde troppo fluido. La maggiore concentrazione di sodio nello spazio extracellulare assicura che l'acqua venga estratta dalle cellule, a seguito della caduta di pressione osmotica. Si restringono e perdono la loro funzione. A seconda del meccanismo dell'eccesso di sodio, potrebbero esserci diverse varianti della composizione del sangue.

Una mancanza di liquido fa diminuire il volume del sangue e il contenuto di sodio aumenta relativamente. In questo caso, si parla di ipernatriemia con ipovolemia. Con un aumento dell'assunzione di sodio, tuttavia, il volume del sangue aumenta (ipervolemia) perché l'eccesso di sodio lega molta acqua.

Cause di ipernatriemia

La causa più comune di ipernatriemia è la mancanza di liquido nel sangue, che può sostanzialmente insorgere in due modi. Viene ingerito troppo poco liquido o viene escreto troppo. Gli anziani, i bambini e i pazienti intubati sono a rischio per le persone che non sono in grado di bere e disidratare. Ciò crea una discrepanza tra consumo di liquidi e assunzione. Le ragioni di ciò possono essere molto diverse.

I bambini spesso dimenticano di bere e ignorano la loro sete. Questo vale anche per le persone anziane. Potrebbero anche provare una sete disturbata e il fatto che non sono in grado di fornire acqua sufficiente da soli. Quest'ultimo si applica spesso ai pazienti intubati e gravemente malati. In tutti i casi, il risultato è un'assunzione di liquidi insufficiente. Una mancanza di liquido si sviluppa nel sangue, il che porta ad un aumento relativo del livello di sodio, sebbene la quantità assoluta di sodio non sia aumentata.

Il secondo meccanismo che può portare all'ipnatriemia è una massiccia perdita di liquidi. Ciò può essere causato da diarrea a seguito di un'infezione, vomito grave, sudorazione eccessiva, a seguito di ustioni, espirazione in caso di febbre o assunzione di farmaci lassisti (diuretici).

Anche i pazienti affetti da diabete insipido sono interessati. In questa malattia, che è anche chiamata disfunzione urinaria dell'acqua, una carenza dell'ormone antidiuretico aldosterone o un disturbo funzionale del rene è responsabile dell'aumento dell'escrezione di liquidi. Di conseguenza, l'organo non è più in grado di concentrare l'urina. L'urina sottile viene escreta rapidamente e in grandi quantità. Anche con questi processi, che sono associati ad una maggiore perdita di liquidi, la quantità assoluta di sodio nel sangue non cambia, ma solo la sua concentrazione. Tutte le forme di ipernatriemia descritte finora sono associate all'ipovolemia.

In rari casi, un eccesso di sodio nel sangue può anche essere causato da un aumento dell'assunzione di sodio. Da un lato, questo può essere il risultato di una dieta ricca di sali combinata con liquidi da bere che contengono molto sodio. Il secondo modo per ingerire troppo sodio è aumentare l'apporto di elettroliti attraverso infusioni ricche di sodio. Questo tipo di ipernatriemia, in cui il sodio viene sempre più assorbito, è sempre associato all'ipervolemia dovuta all'elevata capacità del sodio di legare l'acqua. Con forme lievi, il volume del sangue può rimanere approssimativamente lo stesso (normovolemia).

Sintomi di eccesso di sodio nel sangue

I sintomi che si verificano con l'ipnatriemia sono causati dalla variazione del gradiente di concentrazione tra lo spazio extra e quello intracellulare. Fuori dalla cellula, il contenuto di sodio aumenta, mentre inizialmente rimane lo stesso nella cellula. Questo rimuove il liquido dalla cellula. Disidrata, si restringe e perde funzione. In questo modo si sviluppano sintomi inizialmente molto generali e non specifici. Possono anche essere associati ad altre malattie. Questo è il motivo per cui l'ipnatriemia è spesso difficile da diagnosticare all'inizio.

I segni tipici possono includere sete intensa, stanchezza, debolezza, irrequietezza e mancanza di concentrazione. Può verificarsi anche edema, principalmente nelle gambe. Un'altra caratteristica dell'eccesso di sodio prolungato può essere i segni di essiccazione come le pieghe della pelle in piedi e gli occhi profondi. I sintomi vengono di solito scoperti per caso nel corso della diagnostica di laboratorio di routine. Con un eccesso di sodio prolungato e un decorso grave, la disidratazione delle cellule, in particolare nel cervello e nel cuore, ha gravi conseguenze. Un aumento della concentrazione di sodio di oltre 180 mmol / L è pericoloso per la vita. L'elenco seguente elenca i sintomi neurologici e altri che possono verificarsi con l'ipnatriemia:

  • Aumento dei riflessi muscolari,
  • fascicolazioni muscolari,
  • crampi,
  • Convulsioni,
  • Cefalea (cefalea),
  • Apatia,
  • Ipereccitabilità del sistema nervoso (ipereccitabilità),
  • Tremore,
  • Confusione,
  • Coma,
  • Insufficienza respiratoria,
  • ipertensione
  • e battito cardiaco irregolare

Diagnosi

Un'anamnesi approfondita è lo strumento diagnostico primario per la diagnosi dell'ipnatriemia. Può essere utilizzato per rispondere a domande sul comportamento alimentare, le abitudini alimentari e le possibili malattie precedenti. Si possono anche chiedere possibili cause di perdita di liquidi come diarrea e vomito. Durante questa conversazione, il medico può ottenere informazioni importanti che giustificano il sospetto di eccesso di sodio.

In un successivo esame, il medico verifica la pressione sanguigna, la vigilanza e se ci sono segni di disidratazione o cambiamenti neurologici. Esamina il turgore della pelle e i segni di essiccazione osservando l'umidità della lingua, la consistenza delle mucose e il comportamento delle pieghe della pelle. Nell'area neurologica, i test dei riflessi muscolari e il controllo della vigilanza e delle funzioni mentali fanno parte dello spettro dell'esame. La diagnosi primaria viene infine fatta in laboratorio determinando il valore sierico di sodio.

Nel corso del trattamento per compensare la carenza di liquidi per infusione, questo test viene ripetuto per verificare il successo della sostituzione. Se la compensazione non porta a un risultato soddisfacente dai valori di laboratorio, ciò indica che la causa del deficit di fluido non è stata ancora scoperta e corretta. In questo caso, è necessario seguire ulteriori test diagnostici differenziali per scoprire la malattia di base.

Altri metodi diagnostici utilizzati per il diabete insipido o il bilanciamento del liquido non riuscito sono la determinazione del volume di urina e la concentrazione di particelle disciolte nel sangue e nelle urine (osmolalità).

Terapia

In molti casi, l'ipnatremia può essere riparata sostituendo la mancanza di liquidi. Questo può essere fatto per via orale o endovenosa. Se il bilancio viene effettuato per infusione, viene fornita una soluzione di glucosio senza sodio, che contiene anche minerali per normalizzare il bilancio elettrolitico.

Il glucosio lega gli ioni sodio nel sangue e li rimuove dal corpo in modo che vengano escreti nelle urine. La compensazione dovrebbe tuttavia avvenire lentamente, in modo che i processi di adattamento dell'organismo possano essere eseguiti in tempo e senza rischi. Il persistente eccesso di sodio si è manifestato nelle cellule come mancanza di liquido. Se il livello di sodio viene abbassato troppo rapidamente a causa dell'assunzione di liquidi, le condizioni osmotiche cambiano in modo che vi sia un rapido afflusso di acqua nelle cellule. Si gonfiano e possono esercitare pressione sul tessuto circostante. Questo può essere particolarmente pericoloso nel cervello. Come risultato del gonfiore delle cellule, si forma l'edema cerebrale, che può comprimere la massa cerebrale a causa della limitata capacità del cranio di espandersi. A seconda della posizione, possono essere innescati i sintomi neurologici sopra descritti.

Nel caso di edema cerebrale, si raccomanda vivamente la supervisione della terapia da parte di un medico. In molti casi, la terapia per l'ipnatremia, oltre alla sostituzione dei fluidi, è il trattamento della malattia causale. Le infezioni che causano diarrea o vomito possono di solito essere trattate con farmaci. Se c'è un eccesso di sodio, la somministrazione di un diuretico può anche essere utile al fine di regolare l'equilibrio dei liquidi ed evitare l'edema.

Il contrario è il caso del diabete insipido. Con questa malattia, i farmaci antidiuretici (desmopressina) possono essere somministrati per ridurre l'aumento dell'escrezione di acqua e idealmente per normalizzarlo. Spesso ci sono difficoltà con la forma renale della malattia perché i reni non rispondono ai principi attivi. Si consiglia ai pazienti che soffrono di diabete insipido di cambiare dieta. Dovresti seguire una dieta povera di sale e povera di proteine.

L'importanza di cambiare la dieta e le condizioni di vita

In alcune persone esiste il rischio che l'ipnatriemia possa manifestarsi più e più volte. Ciò riguarda le persone che non sono in grado di fornire un'adeguata idratazione a causa della loro età o malattia. Nelle persone anziane, ciò non è solo dovuto alla mancanza di capacità fisiche, ma anche a una ridotta sensazione di sete. In tali casi, è importante sviluppare strategie insieme al medico su come regolare l'assunzione adeguata di acqua. Anche partner, parenti e caregiver dovrebbero essere inclusi nel concetto.

Di quanta sodio ha effettivamente bisogno il corpo umano non è definito con precisione. Tuttavia, esiste un limite superiore raccomandato per l'assunzione giornaliera di sale da cucina. Sono sei grammi al giorno negli adolescenti e negli adulti. A causa della stretta relazione tra alti livelli di sodio e ipertensione, i professionisti del settore medico consigliano di non consumare più di 3-4 grammi al giorno. Molte persone in Germania prendono una dose significativamente più alta con il loro cibo. L'assunzione media è di nove grammi al giorno. Da un lato, ciò ha a che fare con il fatto che lo stile di vita e le abitudini alimentari sono cambiati.

D'altra parte, l'assunzione aggiuntiva di sale da tavola è compensata da una mancanza di esercizio fisico. L'escrezione di sodio attraverso la sudorazione viene eliminata. D'altra parte, la consapevolezza nutrizionale e la composizione sono cambiate. In tempi di fast food e prodotti finiti, molte persone non sanno più quali alimenti contengono quanto sale. Non hanno una visione d'insieme e nessun controllo sulla quantità di sale che consumano ogni giorno. Molti inoltre non sono consapevoli dei pericoli di questa dieta perché gli effetti non sono immediatamente evidenti. Il lavoro educativo in questo settore è quindi importante.

È noto che tali abitudini alimentari e di consumo hanno effetti negativi sulla salute e, in casi estremi, possono contribuire allo sviluppo dell'ipnatriemia. Se le bevande contenenti sodio e una dieta ricca di sale sono la causa di un aumento del contenuto di sodio nel sangue, è importante cambiare le tue abitudini alimentari e di consumo. In questo caso, i nutrizionisti possono essere inclusi nel concetto di trattamento. Esse chiariscono alle persone interessate a cosa dovrebbero prestare attenzione quando preparano il cibo e quali bevande e cibi sono adatti per una dieta a basso contenuto di sodio. Gli alimenti ricchi di sale da cucina includono, ad esempio, salsicce, patatine, succhi di verdura, formaggio, zuppe già pronte e acqua minerale ricca di sodio. D'altra parte, il sale da tavola contiene tè, latte, dolci, uova e acqua minerale a basso contenuto di sodio.

Quando si tratta di cambiare le abitudini alimentari e di consumo, anche le persone bisognose di sostegno hanno bisogno di sostegno. Le persone anziane, i bambini piccoli e i malati gravi non sono in grado di garantire una dieta adeguata. Ecco perché è importante l'inclusione delle persone circostanti nel concetto nutrizionale. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.

Dipl. Geogr. Fabian Peters, Dr. med. Andreas Schilling

Swell:

  • Michael Broll, Stefan John: disturbi elettrolitici: ipo e ipernatriemia, Thieme Verlag, 2018
  • Christian Arndt, Hinnerk Wulf: Hypernatremia - Diagnostics and Therapy, Thieme Verlag, 2016
  • Saif A Muhsin, David Mount: Diagnosi e terapia dell'ipnatriemia, Best Practice & Research Clinical Endocrinology & Metabolism, (visitato il 24 giugno 2019), Researchgate
  • Horacio J. Adrogue, Nicolaos E. Madias: HYPERNATREMIA, The New England journal of medicine, (consultato il 24 giugno 2019), NEJM
  • Djermane Adel, Monique Elmaleh, Dominique Simon, Amélie Poidvin, Jean-Claude Carel, Juliane Léger: Central Diabetes Insipidus in Infancy with or Without Hypothalamic Adipsic Hypernatremia Syndrome: Early Identification and Outcome, The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, (consultato il 24 giugno. 2019), JCEM
  • James L. Lewis: Hypernatremia, MSD Manual, (consultato il 24 giugno 2019), MSD Manual


Video: RENE, ACQUA E LA PROSSEMICA DELLE OSMOLI CASI CLINICI LENIGMA DELLA POLIURIA CONCENTRATA (Agosto 2022).