Sintomi

Mancanza di nutrienti: cause, sintomi e trattamento

Mancanza di nutrienti: cause, sintomi e trattamento


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Quando mancano i nutrienti, il corpo non viene adeguatamente fornito con tutti i nutrienti importanti. Affinché tutti i processi e le funzioni metabolici funzionino in modo ottimale, l'organismo umano ha bisogno non solo di macronutrienti come carboidrati, grassi e proteine, ma anche di micronutrienti come vitamine e minerali. Di conseguenza, viene fatta una distinzione tra una macro e una carenza di micronutrienti. La mancanza di nutrienti può verificarsi in modo isolato o influenzare diversi nutrienti. Spesso mancano proteine, magnesio, vitamina D, vitamina B12, acido folico e ferro. I sintomi dipendono da quale sostanza nutritiva manca in quale quantità.

Mancanza di nutrienti: i sintomi

Una mancanza di nutrienti non sorge all'improvviso, ma piuttosto si insinua. Le lamentele inizialmente non sono molto specifiche, quindi la carenza spesso non viene rilevata per molto tempo. La mancanza di sostanze nutritive è spesso accompagnata da sintomi come affaticamento, esaurimento o aumento della suscettibilità alle infezioni. Cambiamenti esterni come capelli sottili o pelle pallida possono anche indicare una carenza.

Sintomi di una carenza proteica

Le proteine, note anche come proteine, sono i mattoni elementari del corpo. Fanno parte di cellule e tessuti, e anche enzimi, gli anticorpi del sistema immunitario e vari ormoni sono costituiti da proteine. Poiché le nostre cellule del corpo e i nostri tessuti del corpo vengono costantemente rinnovati, l'organismo dipende da un apporto regolare di proteine. Una carenza proteica può causare i seguenti sintomi:

  • marcata debolezza e affaticamento,
  • Perdita muscolare
  • una maggiore suscettibilità alle infezioni,
  • Ritenzione idrica nei polmoni e nei tessuti.

Reclami per carenza di ferro

La carenza di ferro è una delle carenze nutrizionali più comuni nei paesi industrializzati occidentali. A causa dell'emorragia mensile, le donne sono particolarmente colpite da una carenza di ferro. Il ferro svolge un ruolo soprattutto per il trasporto di ossigeno e per la fornitura di energia. Con una carenza di ferro, la pelle e soprattutto le mucose appaiono pallide. Le persone colpite sono stanche, lamentano mal di testa e vertigini. Diminuzione delle prestazioni, scarsa concentrazione, unghie fragili e perdita di capelli sono anche possibili sintomi.

Carenza di magnesio - i sintomi

Il magnesio è importante per l'equilibrio elettrolitico nel corpo. Il minerale nei muscoli assicura un rapporto equilibrato di rilassamento e tensione. Gli umani hanno anche bisogno di magnesio per il normale metabolismo energetico. Una carenza di magnesio è principalmente caratterizzata da sintomi neuromuscolari come crampi ai polpacci, aumento della tensione muscolare o contrazioni muscolari. Ma i disturbi del sonno, il nervosismo e la fatica possono anche essere basati su una carenza di magnesio.

Fatica e formicolio per mancanza di B12

La vitamina B12 è un'importante sostanza vitale del gruppo di vitamine del gruppo B. La vitamina idrosolubile è importante per il funzionamento del sistema nervoso e svolge anche un ruolo cruciale nella formazione dei globuli rossi (eritrociti). Fatica, difficoltà di concentrazione e persino stati d'animo depressi sono altrettante possibili lamentele con una carenza di vitamina B12, come formicolio agli arti e sensazione di intorpidimento.

Sintomi di carenza di folati

L'acido folico è anche una vitamina B. Come la vitamina B12, è importante per la formazione del sangue e anche per lo sviluppo delle cellule. Una carenza di acido folico può avere gravi conseguenze, specialmente durante la gravidanza. Una mancanza di acido folico, ad esempio, favorisce lo sviluppo di un difetto del tubo neurale nell'embrione. Il labbro leporino e il palato possono anche essere il risultato della mancanza di acido folico durante la gravidanza. Negli adulti, la carenza porta ad anemia (anemia) con sintomi come stanchezza, suscettibilità alle infezioni e bruciore della lingua.

Carenza di vitamina D3 in bambini e adulti

Il corpo può produrre la stessa vitamina D, purché venga a contatto con i raggi UV abbastanza frequentemente. Si stima che circa un terzo della popolazione nei paesi dell'UE abbia una carenza di vitamina D. I possibili sintomi includono debolezza muscolare e dolore osseo. Una carenza pronunciata può portare alla perdita ossea negli adulti (osteoporosi). Nei bambini, i cambiamenti scheletrici come le ossa piegate sono una possibile conseguenza della carenza.

Immunodeficienza dovuta a carenza di zinco

Lo zinco è un importante oligoelemento. Sebbene si presenti solo in piccole quantità nel corpo, è di grande importanza per numerose funzioni biochimiche. Una carenza di zinco può portare a disturbi di guarigione delle ferite e pelle secca. Se l'assunzione di zinco è insufficiente, anche il sistema immunitario è limitato nella sua funzione. Le possibili conseguenze sono una maggiore suscettibilità alle infezioni e una maggiore presenza di funghi cutanei.

Sintomi della carenza di vitamina C.

Dal 16 ° al 19 ° secolo, la carenza di vitamina C era particolarmente diffusa tra i marittimi ed era conosciuta come scorbuto. Una carenza porta a sanguinamento delle gengive, tra le altre cose. Disturbi di guarigione delle ferite e sanguinamento sulla pelle possono verificarsi anche con una carenza di vitamina C.

Mancanza di nutrienti: le cause

Ci sono molte cause per la mancanza di nutrienti. Oltre a una dieta squilibrata, una maggiore necessità o varie malattie possono anche causare una situazione di carenza.

Dieta a basso contenuto di nutrienti

Molti degli alimenti che mangiamo oggi sono ricchi di calorie ma poveri di vitamine e minerali. I prodotti finiti e gli alimenti a rapida preparazione in particolare contengono quasi nessuna sostanza vitale. Alcune forme di nutrizione possono anche promuovere lo sviluppo di una carenza. Ad esempio, la vitamina B12 si trova principalmente nei prodotti di origine animale. Le persone che mangiano vegane hanno quindi un rischio maggiore di soffrire di una carenza di vitamina B12. E le diete a lungo termine unilaterali possono anche provocare una mancanza di nutrienti. Un altro gruppo a rischio è rappresentato dagli anziani: da un lato l'appetito spesso scompare con l'aumentare dell'età, dall'altro alcuni anziani non sono più in grado di procurarsi una dieta equilibrata.

Bisogno aumentato

Anche con una dieta equilibrata, la necessità di vitamine e minerali non può sempre essere soddisfatta. Tra le altre cose, c'è un bisogno crescente:

  • donne in gravidanza e in allattamento,
  • I fumatori,
  • Persone che praticano sport intensi
  • Persone che assumono determinati farmaci (ad es. Contraccettivi ormonali)
  • Pazienti con malattie croniche.

Mancanza di nutrienti a causa di malattie gastriche e intestinali

I nutrienti vengono assorbiti nel corpo nell'intestino. Lo stomaco e le malattie intestinali come la malattia di Crohn o la colite ulcerosa possono ostacolare l'assorbimento e causare una carenza. Il corpo ha anche bisogno del cosiddetto fattore intrinseco per assorbire la vitamina B12. Questo si forma nello stomaco. L'infiammazione cronica della mucosa gastrica porta a una ridotta produzione del fattore intrinseco e quindi a una mancanza di assorbimento della vitamina B12.

Una causa comune di ridotto assorbimento, chiamato malassorbimento, è la produzione inadeguata di enzimi digestivi. Il pancreas produce enzimi digestivi necessari per digerire grassi, proteine ​​e carboidrati. Malattie come l'insufficienza pancreatica esocrina portano a una cattiva digestione. Se il corpo non riesce ad assorbire correttamente il grasso dal cibo, anche la fornitura di vitamine liposolubili come le vitamine E, D, K o A è a rischio.

Trattamento della carenza di nutrienti

Nella migliore delle ipotesi, una carenza nutrizionale può essere trattata regolando la dieta. Un basso valore di ferro può essere corretto, ad esempio, con alimenti contenenti ferro come carne, miglio o barbabietola. Se hai troppo poco acido folico nel tuo corpo, dovresti usare verdure verdi come cavoli o spinaci. Tuttavia, adeguare la dieta non è sempre sufficiente.

Sostituzione in caso di carenza di nutrienti

Potrebbe essere necessaria una sostituzione della vitamina o del minerale appropriato, specialmente se vi è un bisogno elevato o una carenza molto pronunciata. Chiunque soffra di una carenza di vitamina D prenderà un integratore di vitamina D. Una carenza di ferro richiede l'assunzione di compresse o capsule contenenti ferro. Il ferro può anche essere aggiunto per infusione.

A seconda della causa, la sostituzione nutrizionale non è sufficiente. Se la causa non viene affrontata, la mancanza di sostanze nutritive si ripresenterà dopo un certo periodo di tempo. Se c'è una carenza di ferro a causa di un sanguinamento mestruale molto pesante, questo deve essere trattato. Il sanguinamento nel tratto digestivo può anche portare alla perdita di ferro. Qui è importante trovare e fermare l'emorragia. Se l'infiammazione nell'intestino ostacola l'assorbimento dei nutrienti, è necessaria anche una terapia appropriata.

Il trattamento con sostanze nutritive può essere difficile, specialmente per le malattie dello stomaco e dell'intestino. Anche gli integratori alimentari ad alte dosi non sono tollerati dal paziente o i nutrienti contenuti non vengono assorbiti o solo insufficientemente. In caso di un grave disturbo dell'assunzione, i nutrienti mancanti devono quindi essere somministrati per infusione, se possibile.

Vitamine sintetiche contro naturali

Se vitamine e minerali debbano essere sintetici o naturali è ancora oggetto di discussione. I sostenitori della variante naturale sostengono che entrano sempre nel corpo in una combinazione di enzimi, coenzimi e sostanze fitochimiche. L'organismo dovrebbe essere in grado di utilizzare meglio questa forma di sostanze vitali. Qui si presume che il tutto sia più della somma delle sue parti. Ciò significa che si verificano effetti sinergici, il che significa che i singoli componenti possono supportare e intensificare i loro effetti. Ad esempio, oltre all'acido ascorbico, la vitamina C naturale contiene anche l'enzima tirosinasi e un complesso bioflavonoide. Al contrario, la vitamina C sintetica è spesso costituita esclusivamente dalla sotto-sostanza acido ascorbico.

Quando si assumono vitamine e minerali, ci sono anche alcune cose da considerare. In questo modo, i nutrienti possono ostacolarsi o sostenersi a vicenda nel loro assorbimento. L'assorbimento del ferro può essere promosso, ad esempio, assumendo contemporaneamente la vitamina C.

Pulizia del colon per un migliore assorbimento dei nutrienti

Le persone che non soffrono di infiammazione intestinale cronica possono anche avere uno scarso assorbimento intestinale. Spesso c'è una cosiddetta disbiosi dietro la mancanza di nutrienti. Miliardi di batteri colonizzano l'intestino umano. Questo complesso ecosistema batterico è anche noto come microbioma o flora intestinale. Lattobacilli, enterobatteri o Escherichia coli fanno parte della flora intestinale. Il microbioma svolge un ruolo cruciale non solo per la funzione del sistema immunitario, ma anche per l'apporto di vitamine. Da un lato, i batteri producono nutrienti come la vitamina K e in parte anche la vitamina B12, dall'altro sostengono la digestione del cibo.

Disturbi della flora intestinale, la cosiddetta disbiosi, possono comportare una mancanza di assunzione di nutrienti e una produzione inadeguata di vitamine. Pertanto, specialmente nella medicina alternativa, la salute intestinale è un prerequisito importante per un buon apporto di nutrienti. La disbiosi può essere trattata con probiotici e prebiotici. I probiotici sono microrganismi vitali che colonizzano l'intestino o migliorano l'ambiente intestinale. I prebiotici come l'inulina, d'altra parte, servono da cibo per i batteri nell'intestino e possono quindi supportare la loro riproduzione.

Piante medicinali contro la carenza di nutrienti

Le piante medicinali possono contrastare la mancanza di nutrienti in vari modi. Da un lato, ci sono piante che possono avere un effetto positivo sulle prestazioni digestive e quindi anche sull'assorbimento dei nutrienti. Molte di queste piante contengono sostanze amare o oli essenziali che stimolano il rilascio di succhi digestivi. Oltre ai denti di leone, queste piante digestive includono anche achillea, finocchio, assenzio e semi di cumino.

D'altra parte, ci sono piante che sono esse stesse ricche di nutrienti. Un primo esempio è l'equiseto di campo, che contiene fino al dieci percento di silice. Questo a sua volta consiste principalmente di silicio. Nella sua forma organica, il silicio è coinvolto in molti processi metabolici nel corpo. Con il suo alto contenuto di vitamina C, vitamina A e vitamina E e gli aminoacidi che contiene, l'aloe vera è anche una delle piante ricche di nutrienti. La pianta medicinale contiene anche una notevole quantità di ferro, calcio, magnesio, manganese e zinco.

Minerali, oligoelementi e anche vitamine si dissolvono parzialmente nella preparazione del tè e possono quindi essere assorbiti. Con alcune piante medicinali come l'aloe, tuttavia, è consigliabile l'elaborazione come succo di pianta. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.

Dipl. Geogr. Fabian Peters

Swell:

  • Società tedesca di nutrizione V.: Domande selezionate e risposte sulla vitamina D, (accesso al 03.07.2019), DGE
  • Landesärztekammer Baden-Württemberg: come nasce la carenza di ferro? (Estratto il 03.07.2019), Camera dei medici
  • Consumer Center NRW e.V.: Aloe Vera - la pianta per la bellezza e la salute? (Chiama il 03.07.2019), centro consumatori
  • Jean Guy LeBlanc, Christian Milani, Graciela Savoy de Giori, Fernando Sesma, Douwe van Sinderen, Marco Ventura: Batteri come fornitori di vitamine per il loro ospite: una prospettiva di microbiota intestinale, Current Opinion in Biotechnology, (accesso al 03.07.2019), Sciencedirect
  • R.J.Thiel: le vitamine naturali possono essere superiori a quelle sintetiche, ipotesi mediche, (accesso al 03.07.2019), NCBI


Video: Se Mostri Uno Di Questi Sintomi Potresti Avere Una Carenza Nutrizionale (Ottobre 2022).