Malattie

Cisti ovariche - sintomi, sviluppo e terapia

Cisti ovariche - sintomi, sviluppo e terapia


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Cisti nelle o sulle ovaie

L'accumulo di liquidi in una cavità tissutale è comunemente indicato come cisti. Se queste strutture si alzano sull'ovaio o, sono anche chiamate cisti ovariche nel gergo medico. Poiché i cambiamenti ormonali spesso agiscono come fattori scatenanti, sono colpite soprattutto le donne dopo la pubertà e durante la menopausa. Oltre alle cisti funzionali, che di solito si ritirano da sole, altre cisti ovariche (cisti da ritenzione) e altre malattie (come i tumori) sono possibili sintomi con sintomi simili, ma che richiedono un trattamento immediato.

Definizione

Nei circoli medici, le cisti situate nell'ovaio (ovaia) sono comunemente chiamate cisti ovariche. Diversi tipi si distinguono per le diverse cause. Le cisti funzionali includono principalmente cisti follicolari, cisti di corpo luteo, cisti di luteina e cisti di endometriosi (cisti di cioccolato). Le cisti da ritenzione sono meno comuni.

Una forma speciale di cisti funzionali sono le ovaie policistiche (sindrome dell'ovaio policistico), che rappresentano un quadro clinico indipendente. Anche i tumori ovarici cistici (tumori ovarici), che sono simili nei sintomi ma sono vere neoplasie (escrescenze cellulari), dovrebbero essere distinti.

Sintomi

Le cisti sono spesso così piccole che le persone colpite non presentano alcun sintomo. Da un certo punto, tuttavia, occupano così tanto spazio che la pressione viene esercitata sulle strutture vicine e il risultato è il dolore pelvico o addominale. Il dolore può anche irradiarsi e portare a lamentele nella parte bassa della schiena, ad esempio. Alcune delle donne colpite descrivono in modo molto preciso l'insorgenza del dolore ovarico.

A volte possono verificarsi disturbi di svuotamento della vescica e dell'intestino e disturbi del ciclo. Quest'ultimo è particolarmente evidente attraverso una più lunga assenza di sanguinamento mestruale (amenorrea) o spotting.

Se si verificano dolori addominali simili a coliche o acuti (addome acuto) e si verifica un rapido deterioramento delle condizioni generali, questo di solito indica complicazioni (lacrimazione o cambiamento di stile).

Origine e cause

Una varietà di cause e meccanismi di origine consente una divisione professionale tra diverse cisti ovariche. I tipi più comuni con i trigger corrispondenti sono descritti nella sezione seguente.

Cisti funzionali

Le cause più comuni di cisti funzionali sull'ovaio sono i cambiamenti ormonali che colpiscono quasi esclusivamente le donne sessualmente mature e sono sempre più associati alla pubertà e alla menopausa. Oltre ai disturbi del ciclo ormonale del corpo normale (ciclo mensile), altri cicli di controllo ormonale o terapia ormonale possono anche portare a cambiamenti nelle ovaie. La seguente suddivisione consente una descrizione più precisa della causa:

  • Cisti follicolari: Questi tipi di cisti sono i più comuni e sorgono a causa di un follicolo di Graaf che non si è rotto e contiene l'uovo. Quindi non c'è ovulazione e il follicolo ottenuto può svilupparsi in una cisti. Queste strutture di solito hanno solo pochi centimetri e si allontanano o si frantumano spontaneamente nel tempo. Ma puoi anche raggiungere una dimensione di oltre dieci centimetri. In particolare, queste strutture compaiono durante la maturità sessuale precoce e nel passaggio alla menopausa.
  • Cisti del corpo luteo: Quando si verifica l'ovulazione, il follicolo di Graaf crea il cosiddetto corpo giallo (corpus luteum), che è responsabile, tra le altre cose, della produzione dell'ormone sessuale femminile (estrogeno). Senza fecondazione della cellula uovo, il corpo giallo si restringe e le mestruazioni seguono. D'altra parte, se si verifica la fecondazione, gli ormoni prodotti regolano l'impianto e la gravidanza. Se c'è sanguinamento o accumulo di liquidi nel corpo luteale, si sviluppa una cisti del corpo luteo. Di norma, anche questi si ritirano da soli.
  • Cisti dell'endometriosi (cisti al cioccolato): Con l'endometriosi, tessuti simili all'endometrio (endometrio) si alzano all'esterno dell'utero - ad esempio, anche sull'ovaio. Durante il processo di scomposizione delle mestruazioni non esiste un'opzione di drenaggio per questo tessuto e possono verificarsi cisti. Il termine cisti al cioccolato descrive la tipica secrezione brunastra dai prodotti di decomposizione del sangue all'interno della cisti. Il termine cisti di catrame si trova anche in questo contesto.
  • Cisti di luteina: Le cosiddette cisti della luteina si verificano spesso su entrambi i lati con una maggiore produzione di ormoni della gravidanza (gonadotropina corionica umana, abbreviata: HCG), ad esempio in gravidanze multiple. Le terapie ormonali per il trattamento della fertilità possono anche portare alla formazione di queste cisti. Dopo la normalizzazione dei corrispondenti livelli ormonali, questi regrediscono principalmente.

Cisti da ritenzione

Se una marmellata di secrezione (ritenzione) innesca un allargamento della ghiandola, è generalmente una questione di cisti di ritenzione. Questo può anche influenzare le ghiandole sessuali e quindi le ovaie. Questi includono anche cisti dermoidi. Queste malformazioni congenite che derivano dalle cellule germinali sono per lo più strutture benigne. Possono contenere diversi tipi di tessuto (sebo, cartilagine o osso). Un tumore maligno si sviluppa molto raramente in successione.

Diagnosi

Poiché non viene spesso innescato alcun disturbo, si verificano regolarmente risultati casuali, ad esempio durante un esame ecografico (di routine) delle ovaie.

Se sono presenti sintomi come sanguinamento mestruale irregolare, assenza di una gravidanza desiderata o dolore, queste sono indicazioni importanti che dovrebbero essere chiarite nel contesto del sondaggio del paziente e dell'esame ginecologico.

Di norma, le cisti ovariche possono essere identificate mediante esami tattili vaginali e mediante ultrasuoni (attraverso la vagina o sopra l'addome).

Inoltre, per effettuare una diagnosi affidabile potrebbero essere necessari ulteriori test su campioni di sangue o altre procedure di imaging (laparoscopia). Perché anche altre malattie devono essere escluse senza alcun dubbio, come una gravidanza extrauterina o un cancro (carcinoma ovarico).

Trattamento

In linea di principio, il piano di trattamento è molto diverso individualmente e dipende da molte circostanze. Ciò include non solo possibili reclami e rischi (ad es. Degenerazione) ma anche fattori personali, come un desiderio esistente di avere figli.

La maggior parte dei casi sono cisti funzionali che non richiedono alcun trattamento senza sintomi, poiché si può prevedere una regressione spontanea. Un cambiamento nella condizione è inizialmente osservato per settimane o addirittura mesi. Il supporto ormonale per questo processo è raramente consigliato.

Tuttavia, se le cisti non regrediscono dopo un periodo più lungo e raggiungono dimensioni tali da causare problemi alle donne interessate o in caso di complicanze, sono necessarie appropriate misure terapeutiche individuali.

Di norma, la cisti viene quindi rimossa tramite un mirroring addominale. Questa procedura è raccomandata per le cisti ovariche di recente sviluppo dopo la menopausa a causa dell'aumentato rischio di cancro senza un precedente periodo di osservazione. Anche le cisti dell'endometriosi e le cisti dermoidi vengono rimosse chirurgicamente. Solo in casi gravi l'ovaio interessato può essere rimosso. Fondamentalmente, la conservazione degli organi è sempre ricercata ed è di solito anche possibile.

Prevenzione

Dopo la completa rimozione delle cisti dell'endometriosi, per questo quadro clinico è consigliabile un successivo trattamento ormonale. Ciò riduce anche il rischio di ricorrenza.

Con altre cisti funzionali, i preparati ormonali (come le pillole anticoncezionali) possono essere utilizzati per prevenire la formazione di nuove cisti. Fondamentalmente, c'è solo un leggero rischio di ricorrenza con queste forme, che contrasta con i possibili effetti collaterali.

Trattamento naturopatico

La naturopatia offre l'uso di piante medicinali. In particolare, i preparati a base di frutti del pepe del monaco (Vitex agnus-astus) può bilanciare il livello dell'ormone femminile e quindi promuovere la regressione delle cisti e prevenire possibili nuovi sviluppi. Questo effetto è scientificamente provato.

Metodi di trattamento della medicina olistica

Ulteriore supporto può essere fornito attraverso misure per attivare i poteri di auto-guarigione. Il sollievo dallo stress attraverso metodi di rilassamento può avere un'influenza positiva sull'equilibrio del corpo e contribuire anche alla normalizzazione dei sistemi ormonali. La medicina tradizionale cinese (MTC), ad esempio tramite l'agopuntura, offre anche opzioni terapeutiche complementari per aiutare il corpo a raggiungere uno stato equilibrato e resistente. (jvs, cs)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde ai requisiti della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.

Dr. rer. nat. Corinna Schultheis

Swell:

  • Pschyrembel: dizionario clinico. 267a, edizione rivista, De Gruyter, 2017
  • Bühling, Kai Joachim e Friedmann, Wolfgang: Corso intensivo: ginecologia e ostetricia. Urban & Fischer, 1a edizione, 2004
  • Uhl, Bernhard: compatto di ginecologia e ostetricia. Thieme Verlag, 5a edizione invariata, 2013
  • Associazione professionale di ginecologi (editore): www.frauenaerzte-im-netz.de - EIERSTOCKZYSTE / OVARIALZYSTE (disponibile il 5 luglio 2019), Frauenaerzte-im-netz
  • Arbeitsgemeinschaft gynäkologische Endoskopie e.V. (Ed.): Www.ag-endoskopie.de - Cisti dell'ovaio (accesso: 05.07.2019), ag-endoskopie.de
  • Royal College of Obstetricians and Gynecologists (a cura di): la gestione delle cisti ovariche nelle donne in postmenopausa, linea guida verde n. 34, luglio 2016, rcog.org.uk

Codici ICD per questa malattia: N83.0, N83.1, N83.2 I codici ICD sono codifiche valide a livello internazionale per le diagnosi mediche. Puoi trovare ad es. nelle lettere del medico o sui certificati di invalidità.


Video: Aspetti ecografici delle cisti beninge e maligne - Pattern Recognition (Ottobre 2022).