Notizia

Scoperto il legame tra batteri vaginali e carcinoma ovarico - attenzione ai prodotti per l'igiene

Scoperto il legame tra batteri vaginali e carcinoma ovarico - attenzione ai prodotti per l'igiene


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

In che modo alcuni batteri influenzano il rischio di cancro alle ovaie?

I ricercatori hanno ora scoperto che la presenza di batteri vaginali insufficientemente sani potrebbe aumentare il rischio di una donna di cancro alle ovaie. Si spera che questa scoperta faciliterà l'identificazione delle donne ad alto rischio di cancro in futuro.

Un recente studio dell'University College di Londra ha scoperto che la mancanza di batteri vaginali sani nelle donne sembra aumentare il rischio di cancro alle ovaie. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista in lingua inglese "The Lancet Oncology".

Il carcinoma ovarico viene spesso diagnosticato troppo tardi

La diagnosi precoce del carcinoma ovarico aumenta le probabilità di successo del trattamento, ma i sintomi tipici come la flatulenza possono essere confusi con condizioni più comuni e meno gravi come crampi mestruali o sindrome dell'intestino irritabile. Per molte donne, la malattia non viene diagnosticata fino a quando il cancro non ha iniziato a diffondersi.

Questi fattori aumentano il rischio di cancro alle ovaie

La causa esatta del carcinoma ovarico non è nota, ma alcuni fattori aumentano il rischio di una donna: età, storia familiare di carcinoma ovarico o mammario e obesità. Alla luce degli ultimi risultati, i ricercatori ritengono che anche alcuni microrganismi che vivono nel nostro corpo abbiano un ruolo importante. Vi è una crescente evidenza scientifica che la comunità di batteri e altri microbi nativi (il nostro microbioma) influenzi il nostro benessere e la nostra salute. Un tipo di batteri benefici che si ritiene sia particolarmente importante nella vagina si chiama Lactobacillus. I ricercatori ritengono che questi batteri impediscano ad altri microbi malsani di danneggiare il nostro corpo.

Che ruolo gioca il livello di lattobacillo?

Il presente studio ha incluso 176 donne con carcinoma ovarico, 109 donne con geni ereditari ad alto rischio per carcinoma ovarico (geni BRCA1) e 295 donne senza rischio genetico noto. Le donne sono state attentamente esaminate e i campioni sono stati prelevati utilizzando lo stesso metodo di campionamento utilizzato per lo screening della cervice. I livelli di lattobacillo erano significativamente più bassi nelle donne sotto i 50 anni con carcinoma ovarico o geni del cancro ad alto rischio. Non è chiaro se questa connessione sia la causa o se altri fattori possano spiegarla, spiegano i ricercatori.

Sono necessarie ulteriori ricerche

Esistono diversi fattori che possono influenzare il rischio di carcinoma ovarico e vari fattori che influenzano la composizione dei batteri vaginali. Non è facile separare questi elementi. È quindi importante esaminare attentamente come i batteri vaginali influenzano direttamente il rischio di donne che sviluppano il cancro alle ovaie o se fattori completamente diversi svolgono un ruolo importante. Prima che le donne si preoccupino dei batteri nella loro vagina, sono necessarie ulteriori ricerche per capire meglio come il microbioma vaginale può contribuire al carcinoma ovarico e trovare modi migliori per diagnosticare la malattia, i ricercatori riferiscono. Nel frattempo, per le donne è fondamentale essere consapevoli dei sintomi e consultare immediatamente il medico se sono preoccupati.

I prodotti per l'igiene possono anche rimuovere batteri sani

Gli autori ritengono che i batteri benigni costituiscano una barriera protettiva alle infezioni e impediscano loro di attraversare il tratto ginecologico alle tube di Falloppio e alle ovaie. È stato dimostrato che le donne che usano eccessivamente prodotti per l'igiene per pulire la vagina hanno meno probabilità di trasportare questo batterio e hanno un aumentato rischio di cancro alle ovaie. (come)

Altri articoli interessanti su questo argomento sono disponibili qui:

  • I padri trasmettono il rischio di cancro alle ovaie alle loro figlie
  • Le moderne pillole contraccettive proteggono le donne dal carcinoma ovarico
  • Individuazione precoce del carcinoma ovarico: i ginecologi spesso giudicano erroneamente le conseguenze

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.

Swell:

  • Nuno R Nené, Daniel Reisel, Andreas Leimbach, Dorella Franchi, Allison Jones e altri: associazione tra microbioma cervicovaginale, stato di mutazione BRCA1 e rischio di carcinoma ovarico: uno studio caso-controllo, in The Lancet Oncology, The Lancet Oncology


Video: 15 Candida e infezioni vaginali: sintomi e cure (Ottobre 2022).