Bocca

Afte: cause e trattamento


Afte o francese Le afte possono essere osservate come danni alle mucose della bocca e della gola in relazione a varie malattie, anche se i processi che portano alla formazione delle afte rimangono ancora poco chiari fino ad oggi. Poiché le afte possono essere accompagnate da un intenso dolore, specialmente quando si mangia, ma anche quando si parla e si deglutisce la propria saliva, la qualità della vita delle persone colpite è spesso significativamente ridotta. Inoltre, le vescicole non rappresentano una particolare minaccia per la salute.

Definizione

Le afte sono danni alle strutture delle mucose nella bocca e nella gola, che di solito sono riconoscibili come ulcere biancastre a dimensioni di lenti su gengive, lingua, tonsille (tonsille) o nella cavità orale. Mostra un bordo rossastro e infiammato alla mucosa sana. Un evento regolare o ripetuto è descritto come aftosi ricorrente cronica. A volte il termine è usato anche per ulcere comparabili delle mucose nell'area genitale, che non sono considerate in questo articolo.

A seconda delle loro dimensioni, il danno alle mucose può essere suddiviso in cosiddette "afte minori" (formano una grande parte delle afte; raggiungono una dimensione massima di un centimetro) e "ulcere aftose maggiori" (piuttosto rare; raggiungono un diametro fino a tre centimetri e più ) differenziare. Una forma speciale e molto rara sono le cosiddette afte herpetiformi, che sono riconoscibili come una moltitudine di piccole vesciche sul bordo della lingua e che ricordano la comparsa di un'infezione da herpes.

Sintomi

A seconda della posizione e del numero, le afte possono causare diversi livelli di dolore. Se si trovano in luoghi soggetti a forti sollecitazioni meccaniche, di solito sono associati a menomazioni significativamente maggiori rispetto, ad esempio, a un'ulcera all'interno della guancia. La regola generale è: più si forma, più forte è il dolore. In particolare, i piatti acidi, ma anche caldi e asciutti o ruvidi portano a una sensazione di bruciore estremamente spiacevole al contatto. Questa sensazione di bruciore in bocca non può verificarsi solo durante il pasto, ma può anche essere vista quando deglutisce o parla.

Le afte sono di solito relativamente piccole con un diametro di pochi millimetri (afte minori), ma in rari casi possono anche svilupparsi in ulcere più grandi con un diametro di diversi centimetri (afte maggiori). Mentre le ulcere più piccole di solito guariscono entro circa due settimane anche senza cure mediche, la guarigione delle afte maggiori può richiedere periodi di tempo significativamente più lunghi e le cicatrici rimangono spesso nell'area della mucosa.

A causa del dolore di mangiare e bere, spesso si traducono in un rifiuto di mangiare, specialmente nei bambini piccoli. Ciò può portare a una mancanza di liquidi (disidratazione) o altri sintomi di carenza e non deve quindi essere preso alla leggera. Si consiglia pertanto una visita dal medico in caso di rifiuto di mangiare.

Diagnosi

La diagnosi si basa solitamente sull'aspetto tipico del danno alla mucosa e sui sintomi che possono essere osservati. Uno striscio dalla mucosa interessata può fornire informazioni su eventuali infezioni che possono essere presenti e un esame del sangue può essere utilizzato per determinare le malattie sistemiche sottostanti in caso di dubbio.

Cause

Le infezioni con virus (herpes) o batteri sono spesso la causa dello sviluppo di sintomi, ma altri fattori possono anche portare al verificarsi di danni alla mucosa. Ad esempio, le ulcere aftose sono più comuni nei pazienti con condizioni di carenza come carenza di ferro o carenza di vitamina B12. Anche le lesioni alla mucosa orale possono favorire lo sviluppo. Le fluttuazioni ormonali o menomazioni sono anche menzionate come possibili cause nella letteratura medica. C'è anche una connessione con problemi digestivi. Inoltre, le afte sono un possibile effetto collaterale di gravi malattie sistemiche, come la malattia di Crohn (malattia infiammatoria intestinale), la malattia di Behçet (malattia autoimmune rara) o l'AIDS. L'intolleranza al glutine (celiachia) è anche una possibile causa della formazione di afte. Anche il lauril solfato di sodio spesso contenuto nel dentifricio è considerato un fattore di rischio.

La forma più nota di una maggiore formazione di afte nella bocca e nella gola è il cosiddetto marciume della bocca, che è dovuto a un'infezione da virus del genere Herpes simplex di tipo 1. Nella fase iniziale, i pazienti inizialmente soffrono di febbre e gonfiore o afte nell'area delle gengive. Le ulcere possono diffondersi sempre di più nel corso ulteriore e si verificano quasi in tutta la bocca e la gola. Allo stesso tempo, di solito c'è un chiaro linfonodo che si gonfia nell'area del collo e un alito cattivo spiacevole. Nel corso della cosiddetta malattia mano-piede-bocca, di solito innescata dal virus Coxsackie, ci si può aspettare anche afte. Il sintomo principale della malattia è un'eruzione cutanea pruriginosa su mani, piedi e bocca, caratterizzata da vesciche evidenti.

Trattamento

Nella maggior parte dei casi, le vesciche guariscono entro circa due settimane anche senza cure mediche e la terapia mirata non è possibile sulla base delle conoscenze attuali. Tuttavia, varie misure terapeutiche possono causare un significativo sollievo dalle lamentele, in modo che le persone colpite siano gravate dalle afte nella loro vita quotidiana molto meno. Qui, la medicina convenzionale usa spesso antidolorifici esterni. Questi sono usati come gel, collutorio o unguenti. Se i sintomi si basano su un'infezione virale, a volte vengono utilizzati farmaci antivirali per accelerare il processo di guarigione. Nel complesso, tuttavia, le persone colpite dipendono principalmente dai loro poteri di auto-guarigione e le misure mediche possono avere solo un effetto di supporto o lenitivo. Lo stesso vale per gli approcci naturopatici, che vengono poi presentati in modo più dettagliato.

Terapie naturali per le afte

Per sostenere il processo di guarigione, vengono utilizzate varie piante medicinali in naturopatia. Ad esempio, il tè freddo a base di fiori di arnica, fiori di camomilla e / o foglie di salvia viene utilizzato a causa del suo effetto antinfiammatorio. Il tè freddo è adatto anche per i collutori. Le tinture diluite dell'echinacea sono anche usate come collutori per le afte. Questo vale anche per l'olio dell'albero del tè e gli estratti di melissa. Dall'area dell'omeopatia, il borace e il cloruro di potassio sono disponibili per il trattamento. Dovrebbero consentire la guarigione in breve tempo. Inoltre, si dice che la cosiddetta estrazione dell'olio (collutorio con olio di girasole o di sesamo spremuto a freddo di alta qualità) abbia un effetto positivo sulle afte.

Tuttavia, le procedure naturopatiche descritte servono - come gli approcci medici convenzionali - solo per alleviare i sintomi. Le cause delle afte ricorrenti croniche non possono essere risolte con il loro aiuto. In naturopatia, ad esempio, misure che generalmente rafforzano il sistema immunitario contrastano tale tendenza all'educazione. Il cosiddetto trattamento costituzionale dal campo dell'omeopatia, ad esempio, si presta a questo. Quali misure si applicano ancora dipende dai sintomi individuali del paziente. La scelta di misure adeguate dovrebbe essere lasciata a terapisti esperti per evitare possibili effetti avversi. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.

Editor Heilpraxis.de, Barbara Schindewolf-Lensch

Swell:

  • Dirk Schweigler: Finalmente una vita senza afte, libri su richiesta, 2019
  • Pschyrembel Online: www.pschyrembel.de (accesso: 20 luglio 2019), ulcere aftose
  • Gruppo di lavoro delle Società mediche scientifiche (AWMF): Opzioni diagnostiche e terapeutiche per le afte e le lesioni aftoidali della mucosa orale e della faringe, Gruppo di lavoro interdisciplinare Patologia orale e medicina orale (AKOPOM), Società tedesca per la chirurgia orale, mascellare e facciale eV (DGMKG), Società tedesca per odontoiatria, medicina orale e maxillofacciale (DGZMK), numero di registrazione AWMF: 007-101, (chiamata: 22.7.2019), AWMF
  • Ingrid Moll: dermatologia a doppia serie, Thieme, 2016
  • O. P. Hornstein: "Lesioni aftose e aftoidee della mucosa orale", ENT, Volume 46 Numero 2, 1998, (consultato il 22 luglio 2019), Springer
  • A. Altenburg et al.: "Clinica e terapia delle afte ricorrenti croniche", in: Il dermatologo. Volume 63 Numero 9, 2012, (consultato il 22 luglio 2019), Springer
  • Sven Sommer: Omeopatia. Gentile auto-aiuto, Grafe and Unzer, 2006


Video: Afte in bocca (Giugno 2021).