Notizia

Processo di invecchiamento delle cellule cerebrali completamente invertito nei ratti - cellule ringiovanite con successo

Processo di invecchiamento delle cellule cerebrali completamente invertito nei ratti - cellule ringiovanite con successo


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Una svolta nella comprensione del processo di invecchiamento

I ricercatori sono ora riusciti a invertire il processo di invecchiamento delle cellule cerebrali nei topi. I risultati hanno implicazioni di vasta portata sul modo in cui comprendiamo il processo di invecchiamento e su come possiamo sviluppare terapie potenzialmente necessarie per le malattie cerebrali legate all'età.

L'ultimo studio dell'Università di Cambridge, riconosciuta a livello internazionale, ha scoperto che è possibile invertire il processo di invecchiamento delle cellule staminali nel cervello dei topi. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista inglese "Nature".

Cos'è l'irrigidimento del cervello legato all'età?

Con l'aumentare dell'età, le cellule staminali cerebrali possono non funzionare correttamente. Nel loro studio, i ricercatori hanno mostrato nuovi modi per convertire le cellule staminali più vecchie in uno stato più giovane e più sano. Ciò potrebbe contribuire allo sviluppo di terapie urgentemente necessarie per le malattie cerebrali legate all'età. Con l'avanzare dell'età, i muscoli e le articolazioni possono diventare rigidi, rendendo difficile il movimento quotidiano. Questo studio dimostra che questo è anche il caso nel nostro cervello e che l'irrigidimento del cervello legato all'età ha un impatto significativo sul funzionamento delle cellule staminali cerebrali, riporta il team di ricerca.

Cosa sono le cellule progenitrici degli oligodendrociti?

Lo studio ha esaminato cervelli di ratti giovani e vecchi per comprendere l'influenza dei cambiamenti legati all'età nel cervello sulla funzione delle cellule progenitrici di oligodendrociti (OPC). Queste cellule sono un tipo di cellule staminali cerebrali che sono importanti per mantenere la normale funzione cerebrale e per la rigenerazione della mielina, lo strato di grasso che circonda i nostri nervi e che è danneggiato, ad esempio, nella sclerosi multipla (SM). Gli effetti dell'età su queste cellule contribuiscono alla SM, ma la loro funzione diminuisce anche con l'età nelle persone sane.

Le cellule cerebrali sono state ringiovanite

Per determinare se la perdita di funzionalità negli OPC anziani fosse reversibile, i ricercatori hanno trapiantato gli OPC dai ratti anziani nel cervello morbido e spugnoso degli animali più giovani. Sorprendentemente, le cellule cerebrali più vecchie sono state ringiovanite e hanno iniziato a comportarsi come le cellule più giovani e più potenti. Per indagare ulteriormente questo, hanno sviluppato nuovi materiali con diversa rigidità in laboratorio e li hanno usati per crescere ed esaminare le cellule staminali del cervello del ratto in un ambiente controllato. Per capire come la morbidezza e la rigidità del cervello influenzano il comportamento cellulare, i ricercatori hanno esaminato una proteina sulla superficie cellulare chiamata Piezo1, che informa la cellula se l'ambiente è morbido o rigido. Quando le cellule staminali cerebrali del ratto funzionanti crescevano sul materiale rigido, le cellule diventavano disfunzionali e la loro capacità di rigenerarsi andava persa. È stato particolarmente interessante, tuttavia, che le vecchie cellule cerebrali, quando sono cresciute sul materiale morbido, hanno iniziato a funzionare come cellule giovani, riferiscono i ricercatori. In altre parole, le cellule sono state ringiovanite.

I risultati potrebbero migliorare il trattamento della sclerosi multipla

Quando Piezo1 veniva rimosso dalla superficie delle cellule staminali cerebrali invecchiate, queste cellule potevano essere tentate di percepire un ambiente morbido, anche se crescevano su materiale rigido. Il piezo1 potrebbe essere rimosso negli OPC di un cervello di ratto invecchiato, causando il ringiovanimento delle cellule e il ripristino della loro normale funzione di rigenerazione, secondo i ricercatori. Le scoperte del team su come invecchiano le cellule staminali nel cervello e su come invertire questo processo hanno importanti implicazioni per il trattamento della SM in futuro, incluso come ripristinare le funzioni cerebrali perse. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.

Swell:

  • Michael Segel, Björn Neumann, Myfanwy F. E. Hill, Isabell P. Weber, Carlo Viscomi et al.: La rigidità di nicchia è alla base dell'invecchiamento delle cellule progenitrici del sistema nervoso centrale, in Natura (domanda: 15.08.2019), Natura



Video: Genetica, le cellule possono ringiovanire (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Germain

    Posso offrirti di visitare il sito Web, con un'enorme quantità di informazioni su un argomento di interesse per te.

  2. Anderson

    se ci sono analoghi?

  3. Behdeti

    pensiero meravigliosamente utile

  4. Kaylan

    Non in esso la questione.



Scrivi un messaggio