Malattie

Disturbi psicosomatici: sintomi e terapia

Disturbi psicosomatici: sintomi e terapia



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Quadri clinici psicosomatici

I disturbi psicosomatici sono problemi mentali che innescano sintomi fisici nelle persone colpite e anche malattie organiche che portano a disturbi psicologici. Questo li distingue dalle persone che fingono i sintomi fisici di attirare l'attenzione sul loro disagio mentale. Le persone colpite spesso sopprimono anche il fatto che i loro problemi fisici hanno un'origine spirituale.

L'ipocondria o la sindrome di Munchausen non sono quindi disturbi psicosomatici, poiché le lamentele sono solo immaginarie nel primo caso e inventate nel secondo.

Se, nonostante gli esami approfonditi, i medici non trovano alcun innesco fisico per lamentele fisiche, potrebbero essere tali disturbi. Sforzano le relazioni sociali e le prestazioni fisiche.

Sono tra le malattie che sono spesso fraintese. L'istruzione è quindi necessaria, anche per le persone colpite.

Reclami psicosomatici - panoramica

  • I disturbi psicosomatici comprendono malattie fisiche che mettono a dura prova la psiche, come il cancro o la sclerosi multipla.
  • I disturbi fisici che accompagnano le emozioni, i conflitti e le crisi sono psicosomatici e, nei casi più gravi, anche le reazioni fisiche a traumatizzazioni come il disturbo post-traumatico da stress e l'adattamento disturbato.
  • Disturbi di conversione devono essere distinti da questi, questi sono sintomi fisici che hanno la loro origine in conflitti inconsci.
  • Disturbi mentali, i cui sintomi includono malessere fisico come depressione e disturbi d'ansia.
  • Disturbi mentali che colpiscono il corpo: anoressia, bulimia e dipendenza alimentare.
  • Uso improprio di stimolanti e narcotici che ha conseguenze fisiche.

Sintomi di disturbi psicosomatici

I disturbi mentali che sono alla base dei disturbi fisici si trovano spesso nello spettro della depressione e delle ansie patologiche. Ma lo stress cronico, la mancanza di tolleranza alla frustrazione e le richieste eccessive sono evidenti anche sul corpo.

Lo stress psicologico ha un effetto particolarmente pronunciato sul complesso gastrointestinale, come dolore addominale, nausea, nausea o diarrea e spesso si verificano: difficoltà respiratoria, dolore al pene, testicoli e vagina, mal di testa, dolore nell'area intorno al cuore.

Il vernacolo descrive accuratamente gli effetti fisici dei problemi psicologici: "Mi colpisce lo stomaco", "Potrei vomitare", "Mi fa venire il mal di testa" o "Pisciare i pantaloni", "Mi sento male quando lo faccio sento "," mi si contrae lo stomaco "," che mi tiene lontano lo sputo "e" ho un collo del genere ".

Quando la paura limita la vita

Sintomi psicologici e fisici difficilmente possono essere distinti nell'organismo. Come tutte le forti emozioni, la paura si manifesta nel corpo.

La paura è una reazione evolutiva - ed è essenziale. Coloro che non hanno paura muoiono molto rapidamente in natura: vengono mangiati dai predatori, cadono in un burrone, si avvelenano con piante tossiche o vengono colpiti da un fulmine. Quindi paura e autoconservazione vanno insieme.

Tuttavia, questa paura naturale può svilupparsi in un disturbo d'ansia che limita enormemente e mette persino in pericolo la vita.

I disturbi d'ansia derivano dalla sofferenza fisica, dai disturbi mentali, dallo stress genetico; alcuni soffrono di disturbo d'ansia generale, altri di fobie specifiche come la paura di gatti, cani o insetti, la paura di spazi confinati (claustrofobia) o la paura di relazioni intime (sociofobia). Alcune persone soffrono di attacchi di panico incontrollati, altre si sentono depresse in modo permanente. Alcuni compensano la loro paura attraverso l'aggressione contro altri, molti si isolano socialmente. Riconoscere il rispettivo disturbo d'ansia precede la giusta terapia.

L'ansia è sempre una reazione fisica: le ghiandole surrenali rilasciano adrenalina, che colpisce il sistema nervoso vergetativo e inibisce la peristalsi gastrointestinale. L'ansia cronica porta quindi a indigestione - costipazione o costipazione alternata e diarrea.

È "pesante nel nostro stomaco"; "Ci sta facendo incazzare," "Ci stiamo incazzando per la paura." La paura "ci paralizza", "i nostri cuori corrono con la paura" e "tremiamo di paura".

L'organismo reagisce a una sospetta minaccia esterna o a un reclamo interno. Questa sirena d'allarme del nostro organismo ci consente di riconoscere i pericoli. Solo così possiamo eliminare il pericolo o evitarlo.

Le reazioni d'ansia appartengono alla parte più antica del nostro cervello: tutti gli esseri viventi con un sistema nervoso mostrano tali reazioni, anche se non li percepiscono consapevolmente come paura: ad esempio, i cavalli si allontanano da una manichetta da giardino, la cui forma ricorda un serpente. Alcuni esseri viventi che potrebbero essere pericolosi in evoluzione scatenano anche paure negli esseri umani: la generazione dei nostri nonni ha ucciso l'innocuo verme lento perché i loro corpi assomigliano a un serpente velenoso.

L'ansia caratterizza una personalità, geneticamente determinata o acquisita, e difficilmente può essere cambiata radicalmente. Le persone ansiose sono a rischio di sviluppare disturbi d'ansia che limitano la loro vita quotidiana.

Una persona impaurita ha paura delle cose della vita: ha paura di trasferirsi in un nuovo appartamento, fare domanda per un lavoro con un datore di lavoro sconosciuto, sedersi in metropolitana con sconosciuti, andare a casa al buio , dalla morte per malattia, ecc.

Anche la paura normale è scomoda e si manifesta sul corpo. Questo distingue la paura da una paura che si verifica nella mente. La paura è innescata da una minaccia reale o percepita che può essere concreta o diffusa.

Tutti hanno paura. Tuttavia, coloro che spesso si sentono depressi non sono depressi in senso clinico. Chiunque sia considerato un "codardo" di solito non soffre di un disturbo d'ansia. Sfortunatamente, la psicologia della cucina mette in relazione i sentimenti quotidiani con i disturbi patologici.

Il disturbo d'ansia non solo infastidisce le persone colpite e gli altri, ma ostacola anche i "disturbati" a vivere una vita piena e progredisce, quindi li spinge all'autodistruzione. Dietro molti suicidi c'è un disturbo d'ansia che le persone colpite e l'ambiente non hanno riconosciuto come tale.

Quali sono i disturbi d'ansia?

La medicina ora identifica i disturbi d'ansia come:

  • Paure inadeguateche non sono basati su una vera minaccia. La paura non spiega adeguatamente altre circostanze riconoscibili, di cui discutono anche le persone colpite: ad esempio, le auto nella grande città non sono una ragione sufficiente per non uscire di casa perché potrebbe verificarsi un incidente.
  • È altrettanto importante Incapacità di affrontare le paure emergenti. Nel caso delle auto, ciò significa che se ho paura di essere investito, mantengo una distanza di sicurezza quando attraverso la strada. Chi soffre di ansia non allevia la paura attraverso strategie razionali.
  • La paura scoppia in certe situazioni e quindi non può essere controllata - succede Attacchi di panico. Mostra anche un modello tipico.

Sintomi del disturbo d'ansia

  • Paura dell'attesa: Avere paura della paura da solo paralizza le persone colpite.
  • Ritiro sociale: Le persone colpite si ritirano ed evitano i grilletti: evitano situazioni ed evitano i luoghi che le collegano alla paura. Le persone colpite inventano pretesti nella vita di tutti i giorni se la situazione non può essere evitata: i fobici del cane si annullano "a causa dell'influenza" quando un amico con un cane li invita, o coloro che hanno paura degli esami hanno "un incidente" in viaggio verso l'università.
  • Le persone interessate stanno ora sviluppando una strategia: in primo luogo, sono imbarazzate dal loro problema di paura, in secondo luogo, risolvono il loro problema a breve termine, ma allo stesso tempo perdono le loro relazioni sociali e si ritirano dalla vita pubblica. Alcuni suggeriscono che non sono riusciti a affrontarlo come una "filosofia di vita", secondo il motto "Voglio vivere come un eremita nel deserto" o razionalizzare il loro disordine sotto forma di teorie della cospirazione.
  • Queste persone sono difficili da curare. Non percepiscono più consapevolmente la loro impotenza percepita come il "prescelto" di un promemoria come compensazione - e il ruolo che si sono assunti dà loro un'illusione. Tali compensazioni "messianiche" sono particolarmente tragiche se le persone colpite soffrono anche di altri disturbi mentali.
  • Abuso di sostanze: Le persone colpite si "curano" da sole, con alcool, caffeina o nicotina, con sedativi, sonniferi e antidolorifici, con morfina, cocaina o anfetamine.
  • Molti disturbi d'ansia si sviluppano solo dall'abuso di sostanze.
  • Il disturbo d'ansia originale è ora accompagnato da una dipendenza da sostanze e una fatale "stampella psicologica". Le sostanze appaiono a coloro che ne sono affetti per supportarle nell'affrontare la vita quotidiana. In tal modo, aggravano il problema e rimuovono il pauroso dalla sua soluzione.
  • Sarebbe stato più facile per la maggior parte delle persone colpite avvicinarsi passo dopo passo ai fattori scatenanti della paura piuttosto che intensificarli ancora di più con l'alcol (repressione dell'alcool) e isolarsi ulteriormente attraverso le conseguenze dell'abuso di sostanze. Dietro alcuni alcolisti e drogati c'è una persona patologicamente spaventata all'inizio.
  • L'abuso di sostanze può persino sovrapporsi al disturbo d'ansia sottostante. Un esempio potrebbe essere una persona che ha paura di uscire con le persone nei locali e di bere diverse birre prima di avventurarsi lì. Ad un certo punto, la stampella psicologica diventa un'abitudine macinata che appare normale alla persona interessata come lavarsi i denti.
  • sovracompensazione: Gli esperti li riconoscono, ma i laici e gli estranei vengono facilmente ingannati. Le persone colpite cercano valvole per la loro paura in altre aree o addirittura affrontano in modo aggressivo le situazioni che le spaventano: gli uomini che hanno paura dell'intimità sessuale si tuffano da una relazione all'altra, le persone che hanno paura delle altezze cadono Corda elastica in profondità.

Tipi di disturbo d'ansia

I disturbi d'ansia sono psicosomaticamente significativi perché possono avere origine sia a livello organico che a livello mentale, ma funzionano sempre in entrambe le aree.

Disturbi d'ansia organicamente correlati derivano da malattie esistenti, come diabete, emicrania, epilessia, tumori cerebrali, disturbi cardiovascolari.

Disturbi d'ansia psicologicamente correlati: depressione (spesso a partire da attacchi di panico), schizofrenia (in particolare il paranoico), disturbi dell'adattamento, abuso di sostanze, sindrome borderline, disturbo bipolare.

Anche i disturbi d'ansia primari, in cui il disturbo d'ansia è la base e non il risultato del disturbo, sono considerati condizionati psicologicamente. Questi includono:

  • I disturbi d'ansia generalizzati
  • Sindrome di panico
  • Agorafobia (claustrofobia)
  • Fobia sociale (paura delle persone e delle relazioni)
  • Le fobie specifiche
  • Il disturbo ossessivo-compulsivo
  • Sindrome da stress post-traumatico

Disturbi fisici e mentali

Le lamentele psicologiche si fondono perfettamente con quelle psicosomatiche e psicosociali: le persone colpite si sentono impotenti e sono impotenti esposte a una minaccia apparente. Non importa se questa minaccia esiste davvero. Questo sentimento aumenta alle allucinazioni e rende le persone colpite vulnerabili a fantasie oscure ed esoteriche e alle illusioni della cospirazione.

Gli spaventati sembrano frenetici, spinti internamente, tesi e sfocati. Si distinguono per il loro "cattivo umore", sono facilmente irritabili e si comportano in modo aggressivo, ma allo stesso tempo sono terribili e facili da influenzare.

Spesso sembrano anche smemorati e senza interessi o apatici. Si dimettono, perdono la gioia di tutto, la disperazione o addirittura diventano inappropriatamente sentimentali - si aggrappano a "bei tempi" fittizi o "luoghi paradisiaci" ultraterreni, spesso regrediscono alle spiegazioni del mondo sul bambino.

La paura porta a uno stress eccessivo costante. Pertanto, le persone colpite non possono rilassarsi o rigenerarsi. Perdono la loro energia.

Ora c'è un raffreddore emotivo per ritirarsi ed evitare situazioni ansiose. Le persone colpite non consentono più la vicinanza interpersonale. Chiunque li incontri si senta come se stesse colpendo "un blocco di ghiaccio". Questo è spesso frainteso dagli estranei: vedono un “sentimento paralizzante” di fronte a loro senza riconoscere la paura sottostante.

Alcuni malati ora si vedono come "profeti" che avvertono dell'imminente disastro che le "normali ignoranti" non riescono a riconoscere. Ai più piccoli "segni" pensano di poter trovare indizi sulla "catastrofe in arrivo".

Di conseguenza, si sentono sempre più alienati dal mondo - l'ambiente ha uno strano effetto su di loro. Temono di perdere il controllo di se stessi, di impazzire o di morire.

Tuttavia, spesso razionalizzano questo sentimento classificando l'ambiente come "malato" e considerandosi gli unici a cogliere questa "apocalisse".

Tali "filature" dovrebbero prendere sul serio gli estranei come un sintomo patologico - perché sia ​​i suicidi che i pistoleri sviluppano fantasie simili.

I sintomi fisici si manifestano come pressione sulla testa, secchezza della saliva ("lo sputo rimane lontano" dalla paura), pelle pallida o arrossamento; le pupille sono dilatate, gli occhi sono spalancati; Le persone colpite digrignano i denti nel sonno e, di conseguenza, possono distruggere tutti i denti; Il ronzio delle orecchie e lo sfarfallio davanti agli occhi la limitano.

La voce trema, sentono un battito nel tempio e nella gola, provano vertigini e sonnolenza spugnosa.

Si verificano problemi cardiaci come pressione cardiaca, battito cardiaco accelerato, palpitazioni e inciampare nel cuore, nonché difficoltà respiratorie, ad esempio mancanza di respiro, blocco respiratorio, fame d'aria, corsetto respiratorio, "non riesco a respirare", ansimando, soffocando sentimenti e difficoltà di deglutizione. Ci sono anche sudori e pelle d'oca, docce fredde, mani bagnate e fredde.

Coloro che hanno paura della paura perdono l'appetito, ma sono anche inclini a bramare i dolci (lo zucchero aumenta la "felicità" a breve termine). Lo stomaco presenta nausea, bruciore di stomaco, sensazione di pienezza, flatulenza, pressione dello stomaco e "farfalle nello stomaco". I crampi allo stomaco si uniscono al dolore dopo i pasti, la costipazione e la diarrea si stringono la mano.

Il desiderio sessuale cessa, le mestruazioni sono disturbate. C'è anche un bisogno costante e incontrollato di urinare. I disturbi del sonno vanno di pari passo con i sogni di paura. Le mani tremano, i muscoli si irrigidiscono, specialmente sulla parte posteriore del collo, o si contraggono, su palpebre, bocca, dita e gambe. Occasionalmente, le persone colpite ottengono "ginocchia morbide", collasso e svenimento.

Nel circolo vizioso della paura

Le persone colpite scivolano in un circolo vizioso, che si manifesta in modo diverso a seconda del disturbo.

Le persone paranoiche cercano i più piccoli dettagli che confermano la loro paura della persecuzione. Sembrano strani e sempre più "pazzi" per gli estranei. Più il mondo esterno prende le distanze, più ti senti confermato.

La paranoia, come la maggior parte dei disturbi mentali, è un tentativo (fallito) di affrontare situazioni problematiche. Le persone paranoiche strutturano la vita di tutti i giorni in uno schema di causa ed effetto che esiste solo nella loro psiche. Coloro che si adattano a questo modello perché sono d'accordo con loro sono considerati alleati, quelli che li criticano fanno parte della cospirazione.

Fa parte del modello di paranoia nascondere tutto ciò che mette in discussione la logica interna. Il mondo è diviso in buono e cattivo, amico e nemico.

Il panico cerca segnali sui loro corpi e nell'ambiente che potrebbero scatenare il panico di cui hanno paura.

Evitano qualsiasi preoccupazione perché temono il prossimo attacco di panico. Spesso si isolano socialmente e caricano il loro ambiente sociale. Ma poiché sono costantemente interessati alle situazioni che causano il panico, non pensano più a nient'altro. Il risultato: il panico scoppia sempre più spesso e in modo incontrollato.

Quelli con disturbi ossessivo-compulsivi ripetono gli stessi rituali per ottenere sicurezza inconscia.

Disturbi di conversione

Un disturbo di conversione è caratterizzato da sintomi individuali ma spesso molto teatrali che limitano le capacità motorie e i sensi: convulsioni, paralisi degli arti, cecità. Interessano solo le funzioni che possono essere controllate a piacimento.

I sintomi assomigliano spesso a disturbi neurologici, come l'epilessia, ma non sono presenti. Invece, le persone colpite sono spesso sotto pressione psicologica; sono colpiti psicosocialmente o sono entrati in un conflitto mentale poco prima dell'attacco.

La psicoanalisi classica vede la conversione come una soluzione simbolica a un conflitto psicologico inconscio al fine di ridurre la paura. Le persone colpite neutralizzano il loro conflitto indirizzandolo a livello fisico, cioè al di fuori della coscienza.

Il dolore emotivo si trasforma in dolore fisico e la persona colpita lo incapsula dall'esperienza cosciente. Tuttavia, la neurobiologia ha sempre più scoperto che il dolore fisico e mentale non può essere strettamente separato, cioè la divisione classica è più di un'interazione nel sistema organico.

Le persone colpite si sentono emotivamente non coinvolte nei sintomi, come se i crampi o la paralisi non fossero parte di essi.

Laici, ma i medici spesso confondono i sintomi con la simulazione. La differenza, tuttavia, è che un simulatore simula deliberatamente i sintomi, ad esempio trattenendo il respiro per suggerire mancanza di respiro.

Questo non è il caso dei problemi di conversione. I sintomi sono reali e i pazienti non sono consapevoli che i loro problemi psicologici sono il fattore scatenante, anche se causano questi sintomi inconsciamente e arbitrariamente.

Reazioni psicosomatiche del corpo per disturbi di conversione

  • amnesia: Le persone colpite non ricordano un momento in cui hanno vissuto eventi traumatici. Il più delle volte, dimenticano solo la parte che li grava. Una diagnosi esatta è anche giuridicamente rilevante qui. Gli specialisti devono chiarire se le persone colpite, ad esempio quando testimoniano, fingono l'amnesia per non dire nulla di stressante per loro o per gli altri, o se c'è un disturbo di conversione. I confini tra l'uno e l'altro sono sottili.
  • Fuga: Le persone colpite fuggono improvvisamente da una situazione stressante in una misura che va ben oltre la "normale" inaffidabilità, maleducazione o codardia, e per nessun altro motivo. Senza preavviso, scompaiono nel mezzo di una conversazione o improvvisamente smettono di funzionare. Un disordine di conversione è anche supportato dal fatto che non esiste un vantaggio razionalmente distinguibile a favore di questa fuga - le persone colpite spesso si danneggiano.
  • Disturbi del movimento: Le vittime sono improvvisamente paralizzate, su braccia, gambe, mani o piedi. Una diagnosi non rivela una causa fisica. O improvvisamente perdono la parola.
  • Convulsioni: Assomigliano a un attacco epilettico, ma senza che la persona colpita si morda la lingua o non sia in grado di controllare le feci come l'urina.
  • Disturbi della sensibilità: Le persone colpite improvvisamente non sentono nulla su una parte del loro corpo sulla pelle, temporaneamente non vedono o sentono più.

Causa ed effetto

Ancora oggi, alcuni medici "cartesiani" sono scettici sulla diagnosi delle malattie psicosomatiche. Il polo opposto è formato da alcuni medici, molto più ma non ancora studenti che rifiutano la "medicina convenzionale", ed esoteristi di ogni colore che vedono tutte le malattie come psicologiche.

Coloro che credono nel karma credono che tutte le malattie siano il risultato del danno che abbiamo arrecato agli altri, sia in una vita precedente, sia che i "guaritori spirituali" affermino che le malattie sono "messaggi dell'anima".

Il sito spirituelle.info annuncia: “Ma quando appare una malattia, è sempre un messaggio dall'anima. Non c'è altra causa per una malattia. Altre presunte ragioni di malattie come virus, batteri, sostanze tossiche, tossine ambientali, geni e molte altre cose sono solo agenti dell'anima per produrre la malattia con il suo messaggio ".

Questo è un humbug scientifico, danneggia le persone con malattie fisiche che credono in tale follia perché non affrontano la causa organica, ma cercano "messaggi" inesistenti e conducono le persone con disturbi mentali che si esprimono fisicamente sul ghiaccio nero.

In effetti, sono necessari professionisti medici specializzati per identificare i disturbi psicosomatici. Le malattie sono di solito causate da molteplici cause: nel caso del cancro, ad esempio, una predisposizione genetica può svolgere un ruolo, nonché un comportamento che promuove il cancro sotto forma di consumo di alcol o sigarette, e possono esserci anche coincidenze e un disturbo d'ansia può promuovere il decorso della malattia.

Le cellule che formano il tumore possono depositarsi e moltiplicarsi senza la necessità di un trigger specifico - e certamente non trasmettono un messaggio. Anche il cancro fa parte della biologia e la moralità è poco conosciuta come colpa o misericordia.

Chi soffre di sindrome borderline soffre anche di disturbi dissociativi, amnesia, intorpidimento e disfunzioni motorie; le sue azioni autodistruttive portano a disagio fisico. Inoltre, come effetto collaterale della sua malattia, spesso si danneggia anche con l'eccessivo consumo di stupefacenti. La psiche e il fisico sono strettamente collegati qui.

I professionisti medici affidabili con l'addestramento appropriato devono anche verificare l'eventuale presenza di contingenze prima di concludere bruscamente che esiste un disturbo psicologico. Alcune cause fisiche sono difficili da identificare, ad esempio lacerazioni delle capsule sulle faccette articolari. Conducono al dolore cronico, che a sua volta può portare alla depressione psicologica. La depressione diventa rapidamente la causa del disagio fisico, sebbene ne sia il risultato.

A volte anche i disturbi di conversione sono difficili da identificare. Le persone colpite entrano quindi in pratica a causa dei loro crampi ricorrenti, ad esempio. Il medico non ha familiarità con i loro problemi di salute mentale, prescrive farmaci per aiutare con i sintomi fisici o li rimanda a uno specialista in malattie legate alle convulsioni.

Con adeguata esperienza, avrebbe chiesto ai segnali tipici se le persone colpite hanno subito di recente crisi: perdita di posti di lavoro, separazione dal partner, decessi o fallimenti.

Un malinteso sorge spesso quando la diagnosi rivela una causa psicologica. Ciò non significa che i sintomi fisici possano essere curati con la psicoterapia pura: i sintomi fisici devono essere trattati come tali.

Inoltre, gli esperti dovrebbero tenersi aggiornati con le ultime ricerche: non tutte le malattie definite psicosomatiche sono e, come sempre nella scienza, un'ipotesi dura solo fino a quando non viene confutata.

Ad esempio, anche i laici erano considerati l'ultima malattia psicosomatica. Se siamo mentalmente cattivi, "ci ammaliamo", "ci colpisce allo stomaco", se prendiamo una decisione sbagliata abbiamo "mal di stomaco".

Niente è più ovvio che spiegare un'ulcera allo stomaco attraverso "stress interni", superlavoro cronico, passività forzata in famiglia o al lavoro. Il fatto che qualcuno che non esprima espressamente la propria rabbia, sofferenza e impotenza alla fine svilupperà un'ulcera allo stomaco è ancora uno dei truismi della conoscenza quotidiana.

In realtà, mostra che le associazioni intuitive tra esperienze psicosociali e sintomi fisici non sono generalmente sbagliate, ma possono essere fondamentalmente sbagliate. La causa dell'ulcera gastrica è il patogeno Helicobacter pyloriin. Non può essere combattuto né con la psicoterapia né con un'espressione attiva di "sofferenza che si mangia all'interno", ma con antibiotici e inibitori della pompa protonica.

L'ulcera gastrica divenne un primo esempio per i critici delle spiegazioni psicosomatiche della malattia, che li classificano di per sé da qualche parte tra evocare spiriti e fondi di caffè o almeno riferendosi al fatto che le cause psicosomatiche non hanno un database empirico.

Una certa dose di scetticismo è certamente appropriata, specialmente per le diagnosi psicosomatiche che la psichiatria e la psicoanalisi sono importanti tanto quanto la "medicina convenzionale". Il German College for Psychosomatic Medicine, la German Society for Psychosomatic Medicine and Medical Psychotherapy sono, tuttavia, riconosciute associazioni professionali di professionisti medici scientifici.

Il conflitto tra "medici scolastici cartesiani" che consideravano le malattie come "azione meccanica e reazione" di una macchina del corpo e psicosomatici che si concentravano sulle cause psicologiche delle malattie fisiche offerte e offre un'area grigia per i giocatori spesso inaffidabili che credono come fatti e Comprendi la speculazione come metodi.

Lo "psicosomatico" in realtà riempie un vuoto che alla fine si riempie di idee religiose o morale reazionaria: un'intera industria con istruzioni per il "pensiero positivo" vive suggerendo alle persone instabili e mentalmente malate che devono solo "positivamente" condizionarsi, e i loro problemi sarebbero spariti, così come le loro malattie.

Spesso questo non è altro che una confezione postmoderna dell'idea cristiana che la malattia è la punizione per una "vita peccaminosa". Tali idee autoritarie di salvezza sono particolarmente fatali per le persone che soffrono psicosomaticamente.

In primo luogo, i pensieri non possono essere condizionati, in secondo luogo, i pensieri "positivi" consci cambiano nelle lamentele psicosomatiche che si verificano a livello pre-cosciente, come i disturbi d'ansia e di conversione, niente affatto. Causano solo le persone colpite di diventare sempre più disperate e si sentono in colpa per non "pensare abbastanza positivamente".

I ciarlatani sul mercato non solo mettono in crisi i disturbi psicosomatici, ma usano anche i loro messaggi di guarigione pseudo-scientifica per offuscare le reali combinazioni efficaci di psicoterapia e il trattamento dei disturbi fisici, il che ha senso.

Corpo e psiche

La nostra psiche, cioè i nostri sentimenti, atteggiamenti, invenzioni, reazioni inconsce e pensieri coscienti sono strettamente collegati al nostro corpo. Ormoni, proteine ​​e varie altre sostanze controllano se ci sentiamo felici, abbiamo paura o abbiamo un desiderio sessuale.

La maggior parte dei nostri ricordi sono memorizzati nella memoria inconscia a lungo termine e progettati in schemi con cui possiamo far fronte alla vita di tutti i giorni. Questi modelli preconsci sono a loro volta collegati ai nostri umori, che a loro volta sono legati alle sostanze del corpo.

Quindi non esiste una psiche indipendente dal corpo, né esiste un corpo distaccato dalla mente. La neurobiologia e la biochimica del corpo umano promettono quindi importanti approfondimenti per la diagnosi dei disturbi psicosomatici.

Ad esempio, gli organi urogenitali sono allo stesso tempo organi sessuali e responsabili dell'escrezione di cibo digerito. Pertanto, sono strettamente legati ai bisogni psicologici e fisici, che sono indissolubilmente legati alle nostre idee, attitudini ed esperienze.

Sono pertanto in corso ricerche per stabilire se le malattie fisiche di questi organi possono avere cause psicologiche e viceversa, in che modo le malattie organiche nell'area genitale influenzano la psiche.

Psicoterapia e medicina psicosomatica

Trattare un disturbo d'ansia significa impegnarsi in comportamenti, conversazioni e psicoterapia con le cose che scatenano l'ansia, piuttosto che sopprimerle attraverso il "pensiero positivo". I disturbi psicosomatici non possono essere curati superando le paure. Piuttosto, devono essere consapevoli delle paure e adottare una modalità per affrontarle.

Nel primo passo, le persone colpite imparano a riconoscere i loro pensieri automatici inconsci che derivano dalla paura. Questo dà loro l'opportunità di comprendere la loro realtà distorta come un costrutto. Le paure rimangono, ma le persone colpite possono ora differenziarsi razionalmente da loro. Per dirla semplicemente: una persona che soffre di fobia da gatto continua ad avere crampi allo stomaco quando pensa solo a un gatto, ma si rende conto che i gatti reali non rappresentano alcun pericolo.

Il secondo passo è più difficile. Il terapeuta e il paziente stanno ora esplorando insieme quali valutazioni, atteggiamenti e pensieri automatici distorcono la realtà esaminando le reazioni simili a sintomi alle situazioni in cui sono indirizzate. Inizialmente questi non sono chiari per il terapeuta o il paziente e vengono ricercati usando tecniche come il lavoro dei sogni, i ricordi o il gioco di ruolo.

Solo ora le persone interessate possono ristrutturare in modo cognitivo. Ciò significa che ora riconoscono le credenze di base nascoste che sono legate alle loro paure, le interrogano e le scuotono. Je weniger die Betroffenen von ihren eigenen Annahmen überzeugt sind, umso besser können sie „funktionalere“ Bewertungen erarbeiten, um die angstbesetzten Situationen besser zu bewältigen.

Im nächsten Schritt machen sie neue Erfahrungen, die den Teufelskreis der Angst durchbrechen und im besten Fall irgendwann ersetzen. Verinnerlichte Ängste, die sich in körperlichen Symptomen manifestieren, lassen sich nur durch verinnerlichte Erfahrungen verwandeln.

Günter Scheich nennt als Beispiele Fahrstuhlbenutzung, Aufenthalt in Menschenmengen, Fahrten auf der Autobahn. Solche Erfahrungen lenkt der Therapeut. Er geht zum Beispiel, so Scheich, mit einer depressiven Patientin, die meint, nichts wert zu sein, in die Fußgängerzone und diskutiert mit ihr ihr Verhalten und die Reaktionen der Mitmenschen. Sie fragt zum Beispiel eine Kollegin, die ohne sie zu grüßen, an ihr vorbei hastete, warum sie nicht grüßte und erfährt, dass die Kollegin in Eile auf dem Weg zu einem Termin war.

Psychosomatische Krankheiten therapeutisch anzugehen, ist kein „Standardverfahren“, sondern bedarf immer der persönlich vermittelten Realitätsüberprüfung mit den individuellen Erfahrungen jedes einzelnen Betroffenen.

Bei erfolgreicher Psychotherapie lindern sich auch die körperlichen Symptome. Nichtsdestotrotz bedarf das körperliche Leid aber einer gesonderten Behandlung.

Psychosomatik und Machtmissbrauch

Psychosomatische Erkrankungen bieten ein weites Feld für Machtmissbrauch, sowohl für etablierte Mediziner, Psychotherapeuten und Psychiater wie auch für die so genannte Alternativmedizin.

Betroffene können leicht zu Objekten werden für Erklärungen, die verbergen, wie Therapeut oder Ärztin Macht über sie ausüben.

Dies liegt daran, dass die psychischen Aspekte der Störung sich nicht als Tatsachen fixieren lassen, sondern es weitgehend dem Behandelnden überlassen bleibt, Fortschritte zu bewerten oder Bilderwelten, Erinnerungen und Verhalten eine Bedeutung zuzuweisen.

Seriöse Mediziner sollten sich also ständig selbst prüfen, ob sie die Unwissenheit des Patienten ausnutzen, um ihre eigene Unwissenheit zu verdecken. Machen die Betroffenen wirklich Fortschritte, um ihre Angst zu bewältigen oder wollen sie dem Arzt gefallen?

Wie definiert der Arzt / Therapeut seine eigene Gesundheit, wie die Krankheit des Patienten? Welche Norm legt er an?

Welche Konstruktionsmuster gelten überhaupt als Heilung? Geht es darum, dass die Betroffenen funktionieren oder darum, dass sie ein erfülltes Leben führen können?

Psychoanalytiker sollten im Umgang mit psychosomatisch Erkrankten nach mechanischen Ableitungen aus theoretischen Modellen vorsichtig sein.

Generell sind die psychischen und physischen Symptome ein Versuch des Organismus, kritische Situationen zu bewältigen und verweisen so auf des Problem, das es zu lösen gilt. (Dr. Utz Anhalt)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.

Dr. phil. Utz Anhalt, Barbara Schindewolf-Lensch

Swell:

  • Scheich, Günter: Positives Denken macht krank. Vom Schindel mit gefährlichen Erfolgsversprechen, Scheich, 3. Auflage, 2013
  • Berufsverbände und Fachgesellschaften für Psychiatrie, Kinder- und Jugendpsychiatrie, Psychotherapie, Psychosomatik, Nervenheilkunde und Neurologie aus Deutschland und der Schweiz: Psychosomatik (Abruf: 19.08.2019), neurologen-und-psychiater-im-netz.org
  • Öffentliches Gesundheitsportal Österreichs: Psychosomatik (Abruf: 19.08.2019), gesundheit.gv.at
  • American Psychiatric Association: Somatic Symptom Disorder (Abruf: 19.08.2019), psychiatry.org
  • Mayo Clinic: Somatic symptom disorder (Abruf: 19.08.2019), mayoclinic.org
  • Merck & Co., Inc.: Somatic Symptom Disorder (Abruf: 19.08.2019), msdmanuals.com

ICD-Codes für diese Krankheit:F40, F41, F43 - F45ICD-Codes sind international gültige Verschlüsselungen für medizinische Diagnosen. Puoi trovare ad es. nelle lettere del medico o sui certificati di invalidità.


Video: Disturbo Bipolare: riconoscere i primi sintomi per gestire le fasi maniacali e depressive (Agosto 2022).