Sintomi

Dolore facciale: cause, sintomi e terapia

Dolore facciale: cause, sintomi e terapia


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La faccia dolorante può diventare un peso enorme

Il dolore facciale può interessare tutto il viso e solo alcune regioni come la guancia, la fronte, la mascella o l'area intorno alla bocca. Alcuni di essi sono acuti e di durata limitata, in altri casi i malati soffrono di lamentele persistenti o ricorrenti. Di conseguenza, questi possono diventare un enorme carico fisico e psicologico e ridurre significativamente la qualità della vita dei pazienti. Una delle principali cause di dolore al viso è la "nevralgia del trigemino", caratterizzata da dolore improvviso, unilaterale e violento.

È possibile prendere in considerazione un numero di trigger

Sono considerati numerosi fattori scatenanti del dolore facciale, come fuoco di Sant'Antonio, problemi nella zona della mascella e dei denti, malattie del sistema nervoso centrale come sclerosi multipla o infezione del seno. Inoltre, il dolore facciale può svilupparsi in disturbi cronici senza una causa apparente. In questo caso, dal punto di vista medico si parla di "dolore facciale idiopatico persistente", che colpisce principalmente le donne di mezza età e di solito persiste durante il giorno con intensità costante o mutevole.

Il trattamento dei reclami dipende sempre dalla causa, per cui oltre ai farmaci adeguati vengono spesso utilizzati metodi di terapia fisioterapica e comportamentale e varie tecniche di riduzione dello stress.

Definizione e sintomi

Il termine "dolore facciale" è di solito usato per descrivere il dolore che colpisce l'intero viso o le singole aree come guance, tempie, naso, mascella, bocca e zona degli occhi, ma anche i muscoli facciali o la pelle. Questi possono verificarsi sia su un lato che su entrambe le metà del viso, ed è anche possibile che si irradino al collo, alle spalle o alla parte superiore della schiena. È quindi importante, tra gli altri, differenziare i sintomi dal mal di testa, perché alcune forme come Il mal di testa a grappolo o l'emicrania parossistica mostrano sintomi simili o si incrociano con quelli del dolore facciale.

I disturbi del viso possono generalmente verificarsi a qualsiasi età e in forme e intensità molto diverse. A seconda della causa, vengono descritti come bussare, tirare, bruciare o pungere, ad esempio, altre persone segnalano un sentimento noioso e opprimente. Dal punto di vista medico, viene fatta una distinzione tra dolore facciale acuto e cronico e un altro punto di distinzione è se la causa è riconoscibile (dolore sintomatico) o meno (dolore idiopatico).

Dolore unilaterale in faccia

I più importanti fattori scatenanti del dolore sul viso includono l'irritazione dei nervi che forniscono, che sono chiamati medici "nevralgia". Il più comune è una cosiddetta "nevralgia del trigemino", che, tuttavia, si verifica relativamente raramente nel complesso (circa 4 ogni 100.000 persone). C'è un danno o un'irritazione del quinto nervo cranico (nervo trigemino), che porta ad attacchi di dolore, che sono tra le esperienze di dolore più forti possibili.

Il nervo trigemino ("nervo trigemino": latino per "nervo tripletto") è responsabile della funzione motoria dei muscoli masticatori e della sensibilità del viso. A tale scopo, si divide in tre rami (orbitale, mandibola e nervo mascellare) dopo essere uscito dalla base del cranio, che fornisce le diverse aree facciali. Nella maggior parte dei casi, la nevralgia del trigemino colpisce il secondo e / o il terzo ramo, il che significa che i sintomi compaiono principalmente nella mascella superiore e inferiore, nel naso, nelle guance e nel mento, e talvolta anche nell'area della fronte.

Simile al cosiddetto mal di testa a grappolo, le enormi lamentele compaiono in un lampo nella maggior parte dei casi su un lato del viso e sono descritte come "bruciore", "bruciore" o simile a un "aumento di potenza". Un simile attacco di dolore di solito dura solo pochi secondi, ma può essere ripetuto frequentemente e in stretta successione durante il giorno. Allo stesso tempo, ci sono spesso crampi muscolari sul lato interessato, arrossamento, gonfiore del viso e aumento della lacrimazione.

I sintomi sono spesso innescati da determinati stimoli, come ad esempio un tocco sul viso, masticare, parlare o mangiare, in altri casi si verificano senza un grilletto riconoscibile. Tra le fasi dolorose, le persone colpite di solito non presentano alcun reclamo, ma poiché l'attacco successivo può essere innescato in qualsiasi momento in modo imprevedibile e con solo un minimo movimento, la nevralgia del trigemino di solito significa un carico enorme e una grave riduzione della qualità della vita.

Di conseguenza, la malattia può avere conseguenze di vasta portata se il decorso è più grave, ad esempio, perché il dolore insopportabile può portare a depressione, ansia o attacco di panico e, in casi gravi, persino pensieri di suicidio.

Forme di nevralgia del trigemino

In genere viene fatta una distinzione tra due forme di malattia: nella più comune nevralgia del trigemino "classica" ("tic doloreux"), ad esempio a causa dell'arteriosclerosi (arteriosclerosi), esiste un contatto patologico tra le navi e i nervi, attraverso il quale la copertura del nervo (guaina mielinica ) è danneggiato. Di conseguenza, anche gli stimoli più piccoli sono sufficienti per innescare una secrezione spontanea del nervo e quindi violenti disturbi facciali unilaterali, che di solito colpiscono il secondo e / o il terzo ramo principale.

La seconda forma estremamente rara si chiama "nevralgia del trigemino sintomatica". La causa di ciò è un'altra malattia come Sclerosi multipla (SM), ictus, malformazioni vascolari o malattie infiammatorie (fuoco di Sant'Antonio, borreliosi). I possibili fattori scatenanti sono anche i tumori del nervo benigno (neurinomi) o i tumori della figlia di un tumore maligno (metastasi), che esercitano una pressione sul nervo trigemino o portano al contatto patologico vaso-nervo.

In questa variante della nevralgia del trigemino, è spesso interessato anche il primo ramo principale o nervo orbitale, che è responsabile delle sensazioni della fronte, dell'incavo dell'occhio e del seno frontale. Qui il dolore di solito persiste tra gli attacchi e si verifica spesso su entrambi i lati, e ci sono anche disturbi più frequenti della sensazione nell'area del ramo nervoso interessato.

Altre forme di nevralgia

Oltre alla nevralgia del trigemino, altre forme di nevralgia possono anche portare a dolore facciale a disagio in rari casi. Ad esempio, se si tratta di una cosiddetta nevralgia del glossofaringeo, proviene dal nervo cranico IX (glossopharyngeus del nervo), che è responsabile, tra le altre cose, della cura sensibile della gola, della trachea, della gola inferiore e dell'esofago, nonché delle sensazioni gustative nel terzo posteriore della lingua.

Se questo nervo è danneggiato, c'è dolore alla gola, alla lingua e al canale uditivo esterno, che di solito è molto forte e si presenta come un attacco per alcuni secondi. Analogamente alla nevralgia del trigemino, puoi sparare spontaneamente e senza una causa riconoscibile, oltre a utilizzare determinati fattori scatenanti come vengono attivate bevande fredde, tosse, sbadiglio o alimentazione.

Con nevralgia glossofaringea, sono possibili ulteriori sintomi, ad es. Circolazione debole, bassa pressione sanguigna o polso lento o battito cardiaco (bradicardia), nonché un arresto cardiaco temporaneo (asistolia), che porta alla morte dopo pochi minuti se non trattata.

Dolore facciale alla mascella

La causa dei reclami può essere problemi o disordini nella zona del dente e della mascella. Dal punto di vista medico, questi sono riassunti sotto il termine "disfunzione cranio mandibolare" (CMD) (lat. "Cranio" per cranio e "mandibola" per la mascella inferiore), per cui l'intero sistema di masticazione è incluso con la mascella superiore e inferiore, le articolazioni temporo-mandibolari, i denti e i muscoli masticatori.

Qui, ad esempio, disallineamento della mascella o dei denti ("morso sbagliato"), cambiamenti traumatici della colonna cervicale o delle articolazioni della mascella (ad es. A causa di una caduta o di un incidente stradale), lunghezze delle gambe diverse o fattori psicosociali come lo stress portano a una regolazione errata dell'ATM e dei muscoli coinvolti e ossa (mascella o cranio superiore e inferiore).

Il risultato è una varietà di reclami come Mal di denti e dolore alla mascella, difficoltà ad aprire e chiudere la bocca, screpolature o sfregamenti dell'articolazione temporo-mandibolare, eccessiva usura dei denti, digrignamento dei denti o allentamento dei denti.

Oltre ai sintomi al di fuori della zona mascellare reale, i sintomi includono mal di testa ed emicrania cronici, dolore facciale, vertigini, dolore alle orecchie e ronzio nelle orecchie (acufene), disturbi del sonno, sfarfallio degli occhi, dolore alla schiena e al ginocchio, nonché tensione alle spalle e al collo.

Disagio facciale cronico

Spesso si tratta di dolore idiopatico persistente, noto anche come "dolore facciale atipico" e colpisce in particolare le donne di età compresa tra 30 e 50 anni. È caratteristico qui che non esiste una causa riconoscibile, vale a dire che i reclami non possono essere assegnati al tipico dolore ai nervi o ad altre malattie. Ad esempio, i disturbi psicologici sono discussi come fattori scatenanti e alcuni esperti sospettano che i problemi possano far parte di un disturbo cronico generale del dolore.

Un'altra possibile causa sono i disturbi del sistema nervoso dovuti a lesioni o interventi chirurgici nell'area dell'orecchio, del naso, della gola, dei denti, della bocca o della mascella. Allo stesso modo, una forma limitata di dolore facciale può svilupparsi attraverso un intervento invasivo sui denti (ad es. Estrazione, trattamento del canale radicolare) ("odontalgia atipica").

Le persone colpite di solito soffrono di dolore permanente unilaterale durante il giorno, che è descritto come bruciore, noioso, pulsante e profondo. Di notte, tuttavia, si abbassa in modo significativo o scompare completamente, in modo che il sonno non sia compromesso. Sono anche possibili fasi più lunghe senza sintomi e possono anche apparire sull'altra metà del viso o su entrambi i lati nel corso della malattia. L'area della mascella superiore, dell'occhio, del naso e della fronte fa spesso male, ma è possibile un'ulteriore diffusione, ad es. nel collo o nel mento.

Contrariamente alla nevralgia del trigemino, il dolore facciale atipico di solito non porta a improvvisi attacchi di dolore e ulteriori disturbi emotivi e non ci sono specifici fattori di provocazione che possono scatenare una ricaduta. Tuttavia, in alcuni casi accade che il dolore, ad es. diventare più forte in situazioni stressanti o con temperature molto fredde.

Spesso, il dolore facciale atipico è anche collegato a problemi psicologici, con stati d'animo depressivi che si verificano in particolare. Inoltre, alcuni malati sperimentano altri disturbi fisici, come ad esempio Mal di schiena, dolore al collo o emicrania.

Dolore al viso quando fa freddo

Le lamentele possono verificarsi anche nel corso di un raffreddore, spesso definito anche "infezione influenzale". Questa è un'infezione acuta del tratto respiratorio superiore, che è principalmente causata da agenti patogeni come adeno, rhino o virus coxsackie ed è una delle malattie più comuni in generale. Di conseguenza, negli adulti fino a tre anni e nei bambini in età prescolare anche fino a dieci raffreddori sono considerati "normali" in media, solo con un numero più elevato si dice che siano suscettibili alle infezioni.

Nella maggior parte dei casi, i patogeni si diffondono per infezione da goccioline, in cui entrano in aria attraverso la tosse, gli starnuti, ecc. E vengono successivamente inalati da altre persone. Inoltre, è possibile una “infezione da sbavature”, in cui i patogeni possono arrivare da persona a persona direttamente (ad es. Toccando una persona infetta) o indirettamente tramite cibo, oggetti o acqua potabile contaminati. Un percorso tipico qui è, ad esempio, lo starnuto, in cui i virus entrano nelle mani e da lì su tutti gli oggetti che vengono successivamente toccati (maniglie delle porte, ringhiere, telefoni, ecc.). Se un'altra persona tocca le aree contaminate, può verificarsi un'infezione, poiché i patogeni raggiungono rapidamente le mucose dalle mani (ad esempio graffiando il naso).

Dato che i patogeni possono essere prevenuti con successo solo da un sistema immunitario intatto, il rischio di infezione aumenta di conseguenza a causa di fattori di indebolimento del sistema immunitario come ipotermia, stress o altre malattie. Inoltre, stare insieme a molte persone in stanze chiuse (ad esempio al lavoro, all'asilo, ecc.) Può favorire lo sviluppo di un'infezione simil-influenzale, specialmente nella stagione fredda.

Una gola fredda e un mal di gola sono tipici di un raffreddore, ma si verificano successivamente sintomi come tosse, naso che cola, raucedine, mal di testa, febbre, dolori muscolari e esaurimento generale.

È anche caratterizzato da una sensazione di tensione e / o dolore facciale, che è descritto come pungente e noioso e di solito è esacerbato dalla pressione o dalla flessione della testa. Questi sono particolarmente pronunciati nella sinusite, che è una delle complicazioni più comuni di un raffreddore.

Se il sistema immunitario indebolito porta anche a un'infezione batterica ("superinfezione"), specialmente nei bambini con raffreddore, si sviluppa la tonsillite (tonsillite) o l'otite media. La diffusione dei virus del raffreddore alla gola, alla gola, ai bronchi, al condotto uditivo ecc. Aumenta il rischio di ulteriori complicazioni come bronchite, polmonite o laringe.

Causa paralisi facciale

La paralisi del nervo facciale (paralisi facciale) può manifestarsi con dolore all'orecchio e al viso. A seconda della forma, ci sono varie cause per questo, ad es. infezione da borrelia, otite media acuta grave con infiammazione delle ossa, meningite, ictus o tumori nel tronco encefalico. Nella maggior parte dei casi, la paralisi facciale si verifica senza una causa riconoscibile ("paralisi facciale idiopatica" o "paralisi di Bell"), per cui si sospetta un'infezione riattivata con il virus dell'herpes simplex come possibile fattore scatenante.

La paralisi facciale è generalmente caratterizzata da una paralisi a metà faccia del viso, che si manifesta in genere con il rilassamento dell'angolo della bocca. Inoltre, ci sono altri sintomi come un gusto disturbato, lacrime e saliva ridotte, mucose nasali secche e ipersensibilità al rumore (iperacusia) e spesso le palpebre non possono più essere chiuse completamente.

Herpes zoster

Le lamentele facciali possono essere causate da fuoco di Sant'Antonio (herpes zoster). Questa è una malattia virale infiammatoria che può verificarsi in linea di principio a qualsiasi età, ma colpisce soprattutto le persone anziane. La malattia è innescata dal "virus varicella zoster", per cui l'infezione iniziale nella maggior parte dei casi si verifica già durante l'infanzia e si manifesta come una forte varicella pruriginosa.

Dopo essere sopravvissuto alla malattia, tuttavia, il virus rimane "nascosto" in parte nelle vie nervose e può quindi essere riattivato in determinate condizioni più avanti nella vita e causare sgradevoli herpes zoster. Tuttavia, i trigger esatti per questa riattivazione non sono stati ancora chiariti chiaramente. Soprattutto, si sospetta un sistema immunitario indebolito (ad esempio cancro, AIDS), nonché fattori ereditari, stress, stress mentale o irritazione della pelle.

Un herpes zoster è caratterizzato soprattutto da un'eruzione dolorosa, rigida e pruriginosa su un lato del corpo, che consiste di macchie rosse e piccole vesciche. Questa eruzione cutanea di solito si verifica sul torace e sull'addome.Se i virus della varicella zoster si trovano nei nervi cranici, anche il fuoco di Sant'Antonio può apparire sul viso.

Tuttavia, l'eruzione cutanea tipica lungo il nervo interessato di solito si manifesta solo pochi giorni dopo l'infezione. Invece, i primi segni sono una sensazione generale di malattia, stanchezza, grave stanchezza e lieve febbre, l'infiammazione del nervo provoca dolore intenso e talvolta bruciore massiccio. Se l'herpes zoster colpisce il viso, potresti provare intorpidimento, formicolio, mal di denti, disturbi visivi e uditivi o perdita di muscoli facciali.

Altre cause di dolore facciale

Per i reclami, ad es. malattie infiammatorie croniche del sistema nervoso centrale come la sclerosi multipla possono essere responsabili, inoltre vengono prese in considerazione l'infiammazione autoimmune della tiroide la tiroidite di Hashimoto o la malattia vascolare reumatica arterite temporale.

Se il dolore si verifica nell'area della mascella o della mascella inferiore, un infarto può essere la causa in caso di emergenza. Ciò è particolarmente concepibile se si verificano in parallelo altri sintomi tipici di infarto come improvviso, forte, pressante o bruciore al petto, che può irradiarsi non solo nella mascella, ma anche nella parte superiore dell'addome, nella schiena, nel braccio sinistro o nella spalla.

Ci sono anche altri segni tipici come vertigini, senso di oppressione al petto, pallore del viso, sudore freddo, nausea e vomito e forte ansia e / o panico.

Pericolo: Se c'è anche il minimo sospetto di un infarto, è importante avvisare immediatamente il medico di emergenza (112 o il numero di emergenza locale) e, se necessario, misure di pronto soccorso come elevare il paziente, rianimare il cuore e i polmoni, rimuovere gli indumenti stretti ( ad es. cravatta, bottoni per camicia) ecc.

Terapia per il dolore al viso

Il trattamento dipende sempre dalla causa, motivo per cui una visita medica approfondita e una diagnosi precisa sono particolarmente importanti. Di conseguenza, la terapia include, ad esempio, antidolorifici (analgesici), i cosiddetti anticonvulsivanti, che vengono utilizzati per il dolore neuropatico o lancinante (ad esempio carbamazepina, oxcarbazepina) o antidepressivi triciclici come l'amitriptilina.

Se i sintomi appaiono cronici, un soggiorno in una clinica del dolore e la riduzione mirata dello stress possono essere molto utili. Allo stesso modo, le persone colpite possono imparare attraverso le procedure di terapia comportamentale per ridurre le paure e interiorizzare le strategie di coping. Nei casi più gravi, possono essere indicate misure chirurgiche, ma queste devono essere eseguite solo dopo un'indicazione precisa al fine di evitare rischi per la salute o un intensificazione del quadro clinico.

Ad esempio, se il dolore facciale idiopatico relativamente comune e persistente è stato diagnosticato mediante diagnosi di esclusione, in molti casi una combinazione di trattamento farmacologico e varie tecniche di rilassamento come allenamento autogeno o meditazione provata. Inoltre, speciali terapie del dolore e misure di terapia comportamentale possono aiutare ad apprendere strategie per una migliore risposta e una gestione attiva del dolore. Questo è un punto centrale nel trattamento del dolore atipico del viso, poiché poiché una cura è possibile solo in casi eccezionali, l'obiettivo è principalmente quello di alleviare i sintomi.

Come parte del trattamento farmacologico, vengono spesso prescritti i cosiddetti antidepressivi triciclici come l'amitriptilina, che vengono utilizzati anche per il mal di testa da tensione. Perché questi intervengono nell'elaborazione del dolore nel cervello e allo stesso tempo alleviano i disturbi psicologici, di cui soffrono un gran numero di persone colpite.

Farmaci antispasmodici (anticonvulsivanti) come ad es. La carbamazepina o il gabapentin sono utili, ma gli antidolorifici sono considerati inefficaci. Esperti come dalla "German Emicrania e mal di testa" nel caso di dolore facciale atipico da interventi chirurgici, in quanto questi possono causare ulteriori danni e causare una persistente intensificazione del dolore.

Naturopatia per una faccia dolorante

Se la terapia del dolore convenzionale non è sufficiente o se il farmaco provoca gravi effetti collaterali, è possibile utilizzare metodi di guarigione alternativi, ad es. in molti casi può essere un valido aiuto nel trattamento del dolore massiccio della nevralgia del trigemino. Tra le altre cose, qui vengono presi in considerazione i medicinali omeopatici, per cui il sollievo dalle lamentele nel caso di questa malattia cronica spesso può essere raggiunto solo da una combinazione di diversi medicinali adatti.

La belladonna è spesso raccomandata, specialmente quando il dolore aumenta quando la pressione, il tatto, il movimento e all'aperto, mentre tende a diminuire quando è calmo e caldo. I pazienti Belladonna hanno spesso una testa molto rossa e calda, inoltre c'è un polso veloce e forte, che porta a un palpitante violento nell'arteria carotide. In generale, le persone che rispondono bene a Belladonna sono irrequiete, eccitate e spesso ansiose, il che significa che in genere trovano difficoltà a riposare e spesso soffrono di difficoltà ad addormentarsi, sonno irrequieto e incubi.

Se la nevralgia del trigemino si verifica a sinistra ed è caratterizzata da disturbi facciali ricorrenti periodici, che peggiorano sempre di più nella prima metà della giornata ma diventano più facili la sera, Spigelia può aiutare. Tuttavia, se il lato destro del viso è interessato e la nevralgia è associata a intorpidimento, viene spesso utilizzato Kalmia latifolia. Esistono anche altri rimedi omeopatici che si sono dimostrati efficaci per la nevralgia facciale, ma anche per il dolore atipico del viso, ad es. Magnesio fosforico, Cactus grandiflorus, Colocynthis o Cedron.

Nel caso della nevralgia del trigemino, è assolutamente necessario discutere con un omeopata o un medico naturopatico se o quale rimedio sia appropriato nei singoli casi, perché la terapia per il dolore cronico non dovrebbe mai essere somministrata da soli. Invece, è sempre necessario prima chiarire la nevralgia neurologica e / o dentale e avere gli agenti appropriati selezionati da un esperto nella fase successiva.

Inoltre, l'agopuntura può essere utilizzata efficacemente nel trattamento della nevralgia del trigemino. In caso di dolore simil-convulsivo grave, tuttavia, non è necessario inserire aghi per agopuntura nella parte interessata, poiché i reclami aumentano o si possono innescare nuovi attacchi. Invece, vengono agugliati dall'altra parte del viso o punti distanti che alleviano il dolore sulle mani e sui piedi, per cui nei casi più gravi viene spesso indicato un trattamento quotidiano, in cui gli aghi vengono lasciati nella pelle per mezz'ora a un'ora.

Se il dolore grave si attenua dopo circa 6-8 sedute, viene trattata anche la metà malata del viso, ma inizialmente con alcuni aghi e un basso livello di irritazione. Da questo momento in poi, secondo la German Acupuncture Society, i farmaci spesso utilizzati fino ad allora possono essere lentamente ridotti, ma in molti pazienti il ​​completo sollievo dal dolore si verifica solo dopo 10-20 ulteriori trattamenti.

Se un'infezione fredda o sinusale è il fattore scatenante per il viso doloroso, vari rimedi casalinghi per il naso che cola possono alleviare i sintomi, tra le altre cose. Ecco ad es. i sali di Schüssler Kalium chloratum (n. 4), Silicea (n. 11) e Kalium sulfuricum (n. 6), nonché varie applicazioni di comprovata idroterapia secondo il pastore Sebastian Kneipp ("cura Kneipp").

Principalmente, il calore è molto benefico e le inalazioni di vapore con salvia o camomilla, sale da cucina o olii essenziali (ad esempio eucalipto, menta piperita) sono anche rimedi efficaci per idratare e liberare le vie respiratorie. Il calore aiuta spesso anche con la disfunzione cranio-mandibolare (CMD), ad esempio posizionando regolarmente un panno caldo e umido sulla zona interessata del viso o irradiandolo con una lampada a luce rossa. Un bagno caldo può essere molto rilassante nel complesso e quindi contribuire ad alleviare il dolore.

In generale, per il dolore cronico, è consigliabile adottare misure che rafforzano il sistema immunitario. In questo contesto, è particolarmente importante garantire una dieta sana, equilibrata, un sonno adeguato e un'attività fisica regolare. Le persone colpite dovrebbero astenersi dal consumo di nicotina e alcol eccessivo al fine di evitare di aggravare i sintomi.

Poiché il dolore facciale spesso comporta un onere enorme e una riduzione della qualità della vita, è anche molto importante che i pazienti trovino procedure e misure adeguate per ridurre lo stress. Ci sono varie possibilità qui per raggiungere il rilassamento e un “mezzo” forte ed equilibrato, come yoga, allenamento autogeno, meditazione o rilassamento muscolare progressivo secondo Jacobson.

Se hai dolore cronico, come ad esempio Nel caso del dolore facciale atipico, la terapia comportamentale di solito è anche molto utile, attraverso la quale le persone colpite possono imparare come affrontare meglio il dolore e quindi ottenere una migliore qualità della vita. (No)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.

Dipl. Scienze sociali Nina Reese

Swell:

  • Manfred A. Ullrich: curare l'emicrania e la nevralgia del trigemino con successo, Spurbuch Verlag, 2014
  • Rainer Freynhagen, Ralf Baron: Neuropathic Pain, Aesopus Verlag, 2nd edition, 2006
  • Michael Rubin: nevralgia del trigemino, manuale MSD, (consultato il 02.09.2019), MSD
  • Michael Rubin: Paralisi facciale, Manuale MSD, (consultato il 02.09.2019), MSD


Video: La narcolessia nel bambino (Ottobre 2022).