Notizia

Il metabolismo dei grassi e la sensibilità all'insulina dipendono dall'ora del giorno

Il metabolismo dei grassi e la sensibilità all'insulina dipendono dall'ora del giorno



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Dieta: l'ora del giorno influenza il metabolismo dei grassi e la sensibilità all'insulina

I pasti vengono metabolizzati in modo diverso in diversi momenti della giornata. Questo è noto da molto tempo ed è anche il motivo per cui molte diete raccomandano di non mangiare la sera o di fornire cibo solo in determinate fasce orarie, come durante il digiuno intermittente. Un gruppo di ricerca dell'Istituto tedesco di ricerca nutrizionale di Potsdam-Rehbrücke (DIfE) ha ora scoperto in uno studio attuale come il metabolismo dei grassi e la sensibilità all'insulina cambiano nel corso della giornata.

Il cosiddetto ritmo circadiano forma il nostro orologio interno e descrive i cambiamenti regolari nei processi del nostro corpo durante il giorno e la notte. I pasti in diversi momenti della giornata hanno effetti molto diversi sui modelli di grasso nel sangue e sulla sensibilità all'insulina ormonale, spiega il team di ricerca guidato dal Dr. Olga Ramich di DifE i risultati del nuovo studio. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista specializzata "Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism".

Controllato da una rete di proteine ​​e geni

"Numerosi processi fisiologici come il risveglio e il sonno, la temperatura corporea e la pressione sanguigna seguono un ritmo regolare giorno / notte di 24 ore", riportano i ricercatori. Questo ritmo è controllato da una rete di proteine ​​e geni e può essere influenzato dalla luce e dai pasti. Un altro studio ha recentemente dimostrato in che modo la nostra dieta influenza gli ormoni e l'orologio corporeo.

Disturbi del ritmo: un rischio per la salute?

La funzione del ritmo circadiano può essere rapidamente interrotta, ad esempio dal lavoro a turni o durante il cosiddetto jet lag. Con tali disturbi, aumenta il rischio di obesità, insulino-resistenza e variazioni dei livelli lipidici nel sangue, che a loro volta promuovono malattie metaboliche come il diabete di tipo 2, spiega il DIfE.

In 29 uomini sani e non obesi, i ricercatori hanno ora studiato in che modo i tempi di un pasto a base di carboidrati rispetto a un pasto a base di grassi influenzano il metabolismo dei grassi e il controllo della glicemia.

Due periodi di quattro settimane di nutrizione

I partecipanti inizialmente hanno attraversato due fasi nutrizionali di quattro settimane: in una fase c'era un pasto ricco di carboidrati al mattino e un pasto ricco di grassi nel pomeriggio e alla sera. Nell'altra fase, la dieta ricca di grassi veniva consumata al mattino e la dieta ricca di carboidrati negli altri pasti.

Pasti ricchi di carboidrati e grassi

"Dopo la fine di ogni fase, c'è stata una giornata d'esame in cui i partecipanti allo studio sono venuti al DIfE Human Study Center e hanno mangiato due pasti - uno alle 9 e l'altro alle 15:40", riporta il DIfE in una comunicazione sui risultati dello studio. Secondo il precedente intervento nutrizionale, questi pasti di prova erano ricchi di carboidrati o grassi.

Analizzati i cambiamenti nel metabolismo dei grassi

Prima e dopo ogni pasto di prova, sono stati esaminati i grassi nel sangue e i geni nel tessuto adiposo. Un totale di 672 grassi provenienti da 14 classi di grassi sono stati analizzati nel sangue dei soggetti del test utilizzando il nuovo metodo lipidomico al plasma con fucile ad alto rendimento, riporta DifE. "Per la prima volta, ora possiamo vedere esattamente come i modelli di grasso cambiano durante il giorno e sotto l'influenza di diversi pasti", ha detto il dott. Ramich continua.

Ora del giorno con un grande impatto

"I nostri risultati mostrano chiaramente che sia la composizione del pasto che l'ora del giorno influenzano la composizione dei grassi nel sangue"; sottolinea il direttore degli studi. In un terzo di tutti i lipidi, i cambiamenti dopo il pasto dipendevano dal fatto che lo stesso pasto fosse consumato al mattino o al pomeriggio. Inoltre, la sensibilità all'insulina era cambiata anche in relazione ai lipidi nel sangue durante il giorno.

Nuovi approcci alle strategie nutrizionali

Lo studio fornisce nuove intuizioni sui meccanismi dipendenti dal tempo della regolazione del metabolismo dei grassi nell'uomo e sulla loro connessione con il controllo dei livelli di zucchero nel sangue, riassume il DifE. Questo potrebbe anche avere benefici medici diretti. Ad esempio, "è facile immaginare che conoscere il momento giusto della giornata per determinati pasti sarà incorporato anche nelle future strategie nutrizionali per prevenire il diabete di tipo 2", sottolinea il dott. Olga Ramich. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.

Dipl. Geogr. Fabian Peters

Swell:

  • Olga Pivovarova-Ramich, et al.: La lipidomica del fucile da caccia ha scoperto la regolazione diurna del metabolismo lipidico legata alla sensibilità all'insulina negli uomini non diabetici; in: Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism (pubblicato il 4 novembre 2019), academic.oup.com
  • Istituto tedesco di ricerca nutrizionale Potsdam-Rehbrücke (DIfE): metabolismo dei grassi e diabete: in sincronia con l'orologio interno (pubblicato il 02.12.2019), dife.de



Video: Dott. Frank Casillo Trainer ATS - MICT vs HIIT - 7 Congresso SIFA - Università Federico II (Agosto 2022).