Notizia

Coronavirus: cosa dovrebbero sapere le persone con cancro

Coronavirus: cosa dovrebbero sapere le persone con cancro


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Pandemia di corona: ciò di cui i malati di cancro dovrebbero essere consapevoli ora

Il numero di persone che vengono infettate dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2 sta aumentando rapidamente. I malati di cancro in particolare dovrebbero adottare adeguate misure igieniche e comportamentali per proteggerli, specialmente se il loro sistema immunitario è indebolito.

Secondo gli esperti, ci si può aspettare che la pandemia della corona non finisca tra qualche settimana, ma possa continuare per mesi. Cosa significa questo per la situazione speciale delle persone che hanno il cancro? Quali misure comportamentali devono essere osservate, quali trattamenti non devono mai essere rinviati? Il servizio di informazione sul cancro del German Cancer Research Center (DKFZ) chiarisce questo.

Nessuna fine rapida alla pandemia in vista

Il virus SARS-CoV-2 recentemente sviluppato della famiglia dei virus corona si sta diffondendo dalla fine dello scorso anno. Le persone possono essere infettate con altre persone attraverso un'infezione da goccioline, spiega il servizio di informazioni sul cancro sul suo sito web.

Finora non esiste alcuna vaccinazione contro il patogeno. Nelle persone infette, il virus può scatenare la malattia respiratoria COVID-19.

Come scrive DKFZ in un annuncio in corso, gli esperti di virus presumono che potrebbero essere necessari molti mesi prima che la popolazione abbia sviluppato un'immunità sufficiente per proteggere dall'ulteriore diffusione del nuovo virus corona.

Cosa significa questo per le persone con cancro e la loro situazione medica? "Questa domanda è attualmente nella mente di migliaia di malati di cancro in Germania", afferma il Prof. Dr. Michael Baumann, CEO del German Cancer Research Center (DKFZ).

“Questo è il motivo per cui il nostro servizio di informazioni sul cancro garantisce che forniamo sempre conoscenze aggiornate. Attualmente stiamo adottando misure per garantire che il servizio di informazione sul cancro rimanga aggiornato anche se la crisi della corona dovesse peggiorare ”.

Molte persone con cancro soffrono di una deficienza immunitaria

Molti malati di cancro soffrono di una deficienza immunitaria causata dalla malattia o da determinate misure terapeutiche. Secondo la DKFZ, si può presumere che le persone con sistema immunitario indebolito si ammalino più velocemente e forse più seriamente delle persone sane.

Weg-Remers pertanto consiglia: “I pazienti oncologici che ricevono una terapia immunosoppressiva o che sono immunosoppressi a causa del loro cancro dovrebbero prestare particolare attenzione al comportamento raccomandato e alle norme igieniche. Ciò include una buona igiene delle mani e la distanza da coloro che soffrono di coronavirus. "

Inoltre, gli esperti raccomandano anche di lasciare l'appartamento solo per le attività più necessarie ed evitare la folla in ogni caso. I pazienti devono chiedere supporto alla famiglia, agli amici o ai vicini, ad esempio quando si tratta di fare shopping.

Non rimandare la terapia pianificata

La Società tedesca di ematologia e oncologia medica (DGHO) raccomanda ai pazienti di non rimandare una terapia del cancro pianificata.

Solo coloro che hanno un aumentato rischio di infezione, ad esempio dopo il contatto con una persona che soffre di coronavirus, dovrebbero valutare i benefici e i rischi della terapia pianificata insieme ai medici curanti.

Il rinvio del trattamento può quindi essere deciso individualmente, secondo il DGHO.

E anche per i pazienti "con carcinoma cronico e ben controllato possono decidere individualmente un turno di terapia", ha scritto il DGHO in una nota.

"Non ci sono raccomandazioni generali. I pazienti devono chiarire queste domande il più rapidamente e individualmente possibile con il proprio medico curante ", afferma Weg-Remers.

Con il cancro, a volte ci sono situazioni di malattia in cui non è necessaria un'azione rapida e si può aspettare. In altri casi, è consigliabile un trattamento tempestivo, ad esempio, in modo da non mettere in pericolo le possibilità di una cura.

Quando esiste un ragionevole sospetto di infezione da coronavirus

È anche importante sapere che la maggior parte delle infezioni respiratorie con cui le persone visitano attualmente gli studi medici sono ancora dovute all'influenza (influenza) o al raffreddore. Ciò è sottolineato dalla Società tedesca di medicina generale e medicina di famiglia. L'infezione da coronavirus è attualmente sospettata solo se:

  • Vi sono segni di un'infezione respiratoria acuta (ad esempio tosse e febbre) E
  • l'interessato si trovava in un'area a rischio COVID 19 (come la Cina o l'Italia) O
  • l'interessato ha avuto contatti con una persona affetta dal virus della corona.

Secondo il DGHO, il periodo medio di incubazione è di 6-7 giorni. Dopo una quarantena di 14 giorni, viene esclusa un'infezione. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.


Video: Coronavirus, la carenza di vitamina D può aumentare i rischi. Studio Università di Torino (Ottobre 2022).