Notizia

COVID-19 causa anche pericolose complicazioni cardiovascolari

COVID-19 causa anche pericolose complicazioni cardiovascolari


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Complicanze cardiovascolari da COVID-19?

COVID-19 può causare gravi complicazioni cardiovascolari come insufficienza cardiaca, attacchi di cuore e coaguli di sangue, che possono portare a ictus. Il trattamento di COVID-19 può anche interagire con farmaci usati per trattare le malattie cardiovascolari esistenti. Questo dovrebbe essere rigorosamente osservato durante il trattamento della malattia.

Nell'attuale studio del gruppo di ricerca guidato dal Dr. William J. Brady dell'Università della Virginia ha scoperto che COVID-19 può causare gravi complicanze cardiovascolari che promuovono l'ictus e può anche interagire con i farmaci usati per trattare le malattie cardiovascolari esistenti. I risultati dello studio sono stati pubblicati sull'American Journal of Emergency Medicine.

Le complicazioni non hanno ricevuto sufficiente attenzione

Molta attenzione è già stata prestata ai disturbi respiratori o alle cosiddette complicanze polmonari (correlate alla respirazione) con COVID-19, ma finora le complicanze cardiovascolari che possono portare alla morte o ad alterazioni permanenti non hanno ricevuto sufficiente attenzione, secondo i ricercatori.

Le informazioni su COVID-19 cambiano costantemente

Pertanto, il gruppo di ricerca ha voluto migliorare non solo la comprensione degli effetti di COVID-19 sul corpo in generale, ma in particolare anche gli effetti sul sistema cardiovascolare. Il tasso di apprendimento in questo settore è attualmente sorprendentemente alto. Le informazioni cambiano settimanalmente, se non quotidianamente, riporta il team di ricerca. Sulla base di una valutazione delle pubblicazioni scientifiche precedentemente disponibili, gli scienziati hanno ora analizzato lo stato attuale delle conoscenze.

Il 24 percento delle persone con COVID-19 soffriva di insufficienza cardiaca

L'insufficienza cardiaca è quindi un problema particolarmente grande per le persone con COVID-19. Secondo il team di ricerca, uno studio aveva precedentemente dimostrato che quasi un quarto delle persone con COVID-19 (24 percento) aveva un'insufficienza cardiaca acuta quando gli era stato diagnosticato per la prima volta il coronavirus. Tuttavia, ciò non significa che il 24 percento di tutte le persone con COVID-19 soffrirà di insufficienza cardiaca.

Insufficienza cardiaca dovuta a COVID-19?

Non è ancora chiaro se l'insufficienza cardiaca sia stata specificamente causata da COVID-19 o se il virus abbia peggiorato l'insufficienza cardiaca non diagnosticata, spiegano i ricercatori. Tuttavia, quasi la metà delle persone con insufficienza cardiaca non era nota per avere ipertensione o malattie cardiovascolari.

Pericolo di grave infiammazione nel corpo

COVID-19 e altre malattie possono causare gravi infiammazioni in tutto il corpo. Ciò aumenta il rischio che le placche grasse accumulate nei vasi sanguigni si aprano e causino infarti e ictus. L'influenza e alcuni altri virus sono già stati collegati a un aumento del rischio di cosiddette rotture della placca entro la prima settimana dopo la diagnosi della malattia, i ricercatori riportano.

Interazioni farmacologiche pericolose

Il gruppo di ricerca descrive anche le possibili interazioni farmacologiche in COVID-19. Ad esempio, un farmaco antimalarico chiamato idrossiclorochina può interagire con farmaci che regolano il ritmo cardiaco, causare danni cardiaci e peggiorare la cardiomiopatia. Remdesivir, un farmaco antivirale che è l'unico trattamento COVID-19 approvato dalla FDA, può portare a bassa pressione sanguigna e ritmo cardiaco anormale, i ricercatori continuano a riferire.

Le interazioni dovrebbero essere prese in considerazione

Le interazioni di cui sopra devono essere prese in considerazione quando si trattano le persone con COVID-19. "Con la crescente esperienza con questo nuovo patogeno, ci rendiamo conto che i suoi effetti collaterali vanno oltre il sistema respiratorio", aggiunge il Dr. Brady ha aggiunto. Col passare del tempo, diventeranno note ulteriori informazioni su COVID-19 e sui modi migliori per gestire le sue numerose presentazioni.

Le conoscenze su COVID-19 devono essere ampliate

"Con questo articolo, speriamo di espandere la conoscenza e la consapevolezza dei medici di emergenza su questo nuovo patogeno e sui suoi effetti sul sistema cardiovascolare", ha detto l'autore dello studio Dr. Brady dell'Università della Virginia in un comunicato stampa. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde ai requisiti della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.

Swell:

  • Brit Long, William J.Brady, Alex Koyfman, Michael Gottlieb: complicanze cardiovascolari in COVID-19, in American Journal of Emergency Medicine (pubblicato nel 2020), American Journal of Emergency Medicine
  • Attacchi di cuore, insufficienza cardiaca, ictus: complicanze cardiovascolari di COVID-19, Università della Virginia (pubblicata il 15 maggio 2020), Università della Virginia


Video: Covid, chi si è ammalato può riportare danni cronici? Il rischio per i polmoni cè (Febbraio 2023).