Notizia

Invecchiamento più sano: l'alimentazione a base vegetale dimezza il rischio di malattie diffuse

Invecchiamento più sano: l'alimentazione a base vegetale dimezza il rischio di malattie diffuse


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Riduzione del rischio di cancro, diabete e malattie cardiache

Il passaggio a una dieta a base vegetale promuove un invecchiamento più sano e riduce fino al 50% il rischio di malattie comuni come diabete, cancro e malattie cardiache. Questo consenso proviene da un comitato medico americano che ha riassunto i risultati di vari studi nutrizionali negli ultimi anni.

I ricercatori dell'American Physicians Committee for Responsible Medicine hanno analizzato i risultati di numerosi test nutrizionali negli ultimi anni. Il team è giunto alla conclusione che una dieta a base vegetale promuove l'invecchiamento sano e protegge dalle malattie comuni. L'editoriale del comitato è stato recentemente pubblicato sul Journal of American College of Nutrition.

Frutta, verdura e legumi contro le malattie croniche

L'età di una persona è un fattore di rischio per molte malattie croniche non trasmissibili, come il cancro e il diabete di tipo 2. L'articolo attuale mostra che una dieta a base vegetale è un modo efficace per proteggersi da tali malattie comuni. Se cambi di conseguenza la tua dieta, puoi ridurre il rischio a metà dello sviluppo di una malattia legata all'età.

Gli autori dello studio concludono che una dieta a base vegetale sana e ricca di frutta, verdura, cereali integrali e legumi sembra essere uno strumento efficace per ritardare il processo di invecchiamento, ridurre il rischio di malattie legate all'età e l'aspettativa di vita aumentare.

Ciò riduce i rischi associati a una dieta a base vegetale

L'analisi mostra che i rischi per numerose malattie sono ridotti passando a una dieta a base vegetale. Secondo lo studio, il rischio per

  • una sindrome metabolica del 50 percento,
  • Diabete di tipo 2 di circa il 50 percento
  • malattia coronarica di circa il 40 percento,
  • Disturbi circolatori nella testa di quasi il 30 percento,
  • La malattia di Alzheimer di oltre il 50 percento.

Vita più lunga attraverso l'alimentazione a base vegetale

I ricercatori sottolineano inoltre che una dieta a base vegetale è associata ad una maggiore aspettativa di vita. Ciò mostra una valutazione delle aree in cui la popolazione vive principalmente di alimenti vegetali. Il team attribuisce l'effetto all'alta percentuale di fitochimici e antiossidanti nella dieta.

Nel 2050 ci sono molti più anziani

"La popolazione globale di adulti di 60 anni o più dovrebbe raddoppiare da 841 milioni a 2 miliardi entro il 2050", afferma la scrittrice Hana Kahleova. Ciò rappresenta una chiara sfida per il sistema sanitario: semplici cambiamenti nella dieta potrebbero aiutare la popolazione a vivere una vita più lunga e più sana.

I costi sanitari potrebbero esplodere

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), le malattie croniche legate allo stile di vita sono la principale causa di morte e disabilità negli Stati Uniti. Allo stesso tempo, queste malattie rappresentano il fattore di costo più elevato nella spesa sanitaria annuale. (Vb)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Questo testo corrisponde alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato controllato dai medici.

Redattore laureato (FH) Volker Blasek

Swell:

  • Hana Kahleova, Susan Levin, Neal D. Barnard: Diete a base vegetale per un invecchiamento sano; in: Journal of American College of Nutrition, 2020, tandfonline.com
  • Comitato dei medici per la medicina responsabile: le diete a base vegetale promuovono l'invecchiamento in buona salute, secondo il nuovo editoriale (pubblicato il 10 luglio 2020), pcrm.org



Video: Dottor Franco Berrino: diete vegetariane perché fanno bene. 8x1000 a sostegno della salute. (Ottobre 2022).